Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

DSCN0597Ferragosto: l’inizio della fine dell’estate. Dalle mie parti questo giorno segna la fine della brevissima estate: dopo il 15, al primo temporale, la temperatura precipita e il lieve tepore dell’alta montagna lascia intravedere l’autunno incombente. Ma per noi il 15 agosto ha poco a che fare con la gita fuori porta, con l’inevitabile ripresa delle attività dopo la (breve) pausa estiva. Oggi è la festa di Mari assunta in cielo, la prima dei credenti, la prima tra i risorti.

È una festa antichissima che affonda le sue radici nella primitiva comunità cristiana. Perciò facciamo così fatica a descriverla. Noi crediamo, semplicemente, che Maria di Nazareth, la madre di Gesù, la prima dei discepoli, che ha allevato il figlio di Dio ed è stata presente alla croce e nella comunità radunata a Pentecoste, è stata assunta in cielo, presso il Padre, in corpo e anima. Detto questo cala il silenzio: come, dove, quando, in che senso, non ci è dato di sapere.La tradizione cristiana parla di questa come la festa della “Dormitio Marine”, l’addormentamento di Maria nelle braccia del Padre.Oggi diremmo: Maria è la prima dei risorti, la prima tra noi che ha conosciuto la totalità destino di ogni uomo. Ma la cosa che più mi intriga, e scusate se emerge la mia valdostanità, è il fatto che Maria è patrona delle guide alpine.

La ragione è poetica: Maria è salita in alto senza corde e piccozza.Carino, vero? Fa sorridere vedere le guide, omaccioni rudi e forti, formati alla fatica e alla prudenza, veri professionisti della montagna, intenerirsi davanti alla ragazzina di Nazareth.Qualche anno fa organizzammo il restauro della piccola statua posta in cima al Gran Paradiso. Per riportarla in vetta organizzammo un pellegrinaggio di alta quota. Rimasi impressionato dal fatto che la statua, imbracata, venne portata in vetta da una giovane guida, all’apparenza non proprio devoto, che non lasciò mai ai colleghi il peso ingombrante della statua, e se la portò sulle spalle per sei ore di ascensione senza battere ciglio. Lo guardavo con compassione: chissà quali sentimenti lo avevano spinto a fare quel gesto così pieno di fede e di affetto? Oggi, nelle comunità di montagna, le guide fanno benedire le piccozze e le corde, si affidano, con lo sguardo basso, un po’ imbarazzato, all’adolescente che divenne la madre di Dio. Mi piace che le guide cerchino una guida, mi piace che l’uomo riconosca il proprio limite e senta l’esigenza di affidarsi.

In montagna la guida è quella cosa che non serve a niente ma, se non c’è nel momento del bisogno, rischi seriamente di lasciarci la pellaccia.Anche in ascensioni relativamente semplici va sempre tutto bene; finchè non capita qualcosa.Allora emerge la stoffa della guida: rassicura, interviene, risolve, vede passaggi che nessuno sa vedere, annusa l’aria e sa dove portarti. Fino alla vetta.Come Maria, proprio come lei.Perché non prenderla come guida per la nostra vita spirituale?

147 Comments

  • Miriam, 18 Agosto 2009 @ 08:01 Reply

    @lucia s ti ricordo che Gesù in un momento molto ma molto ma molto particolare Maria ce l’ha data come Madre…Una madre non conosce solo la strada ma ama soffre gioisce x i suoi cuccioli…Se ti riferisci ad una semplice guida umana..Ok son d’accordo con te , ma Maria è stata una semplice donna come tutti noi ma ha avuto a che fare col divino più di noi …x quanto riguarda culto e devozione ormai tutti sanno che Gesù è il centro ma Maria è sempre unita a Lui …Tranquilla chi ama Maria ,proprio Lei aiuta ad amare di più Gesù…Che è appunto l’ ESSENZIALE!

  • Lucia1, 18 Agosto 2009 @ 08:22 Reply

    @Lucia S
    Condivido il tuo pensiero.
    Gesù è l’essenziale e per me qualsiasi altra cosa mi distrae da Lui. Perchè chiedere l’intercessione di qualcun altro? Io credo che Lui mi ama così tanto che sa di cosa ho bisogno e ciò che mi dona lo fa perchè ama me e non perchè altri glielo chiedono.
    Vi potrà dare fastidio ciò che scrivo, ma io sono “innamorata” di Gesù e voglio conoscerlo e stargli vicino sempre più, per questo leggo e medito la Parola, il resto non mi interessa. Mi rifiuto di credere che per arrivare a Lui si debbano avere delle raccomandazioni così come avviene sulla terra.
    Rispetto e ammiro moltissimo Maria come donna e maestra di discepolato per tutti noi, ma mi rifiuto di divinizzarla. Anche lei è figlia di Dio “in” suo figlio (“figlia de figlio tuo” dice Dante), proprio come lo siamo noi: figli di Dio “in” Cristo.
    E adesso per favore, non sparatemi addosso.

  • Miriam, 18 Agosto 2009 @ 08:38 Reply

    @lucia1 mi dispiace hai sbagliato blog cara lucia 1 non penso qui ci siano le armi x spararti addosso…L’unica arma è la preghiera e se ci fosse stato padre pio avrebbe risposto che l’unica arma è il rosario…Ognuno è libero di fare come gli pare…Dio ci ha creati liberi ma qua nessuno ha divinizzato Maria come dici,nessuno l’ha messa al di sopra di Gesù…È semplicemente un post di Paolo che ha inserito nel giorno dell’Assunta tutto qua…E scusa festeggiamo le sue ricorrenze…

  • SPINA, 18 Agosto 2009 @ 09:07 Reply

    Non vorrei riattizzare Saulo, Dio me ne scampi, ma io sono stata sempre allergica a miracoli e miracolistica.Non perchè non ci credo, ma perchè mi sembrano eventi più diretti alla conversione del singolo interessato,o miracolato, pittosto che alla collettività , che credo può essere legittimamente scettica , se crede.
    Direi che è tramontata l’epoca dell’evento inspiegabile…in questo mondo di effetti speciali tutto può essere spiegato da varie scienze dalla psichiatria in giù.
    Ripeto l’unico che sa la verità è il singolo protagonista dell’evento,dal miracolo in giù.Non per questo io non ho avuto esperienze umanamente inspiegabili e le ho raccontate,ma la mia fede spero ora non dipenda da esse,l’evento è stato un aiuto, poi, si trotta da soli…
    A proposito di radio Maria ,mi fa venire la depressione!
    Secondo me promuove un modello di cristiano triste, passato anche quello…
    Invece mi piace dire il Rosario, c’e un santuario molto famoso dedicato a Maria nella mia città,è un pò fuori mano ma non vi nascondo che almeno una volta al mese scappo lì non appena uscita dal lavoro,spengo il cellulare ,arrivedrerci a tutti famiglia compresa! E lì è una vera festa, davvero dico il rosario e desidero dirlo come si desidera chiaccherare con un’amica carissima che non si incontra da un pò.
    Il tempo vola letteralmente , spesso mi confesso e partecipo alla messa.Ho la sensazione che Lei lì mi aspetti…anche se il rosario si può dire dalla propria stanza verissimo….Vedete come sono strana e contradittoria! Però forse solo in apparenza cotradittoria ,cercatrice di Dio e di Verità quello di sicuro . Scusa Saulo…Buona giornata a tutti Spina.

  • SPINA, 18 Agosto 2009 @ 09:20 Reply

    @laura
    E no Laura non ci cascare…i figli vanno educati da entrambi i genitotri!Perchè essi hanno diritto ad avere due genitori possibilmente di sesso diverso, come madre natura insegna .Non credo di sembrare troppo femminista con questa frase.Nel 2000, credo di poter pretendere come donna di contare di più nella Chiesa,di sensibilità femminile mi pare ci sia tanto bisogno visto le reazioni un pò stile “ira di Zeus “che hanno avuto le “alte sfere ” di fronte ad alcune problematiche sociali.
    Una donna forse saprebbe capire senza farsi venire la convulsioni….da secoli siamo abituate a mediare per sopravvivere!

  • Paola B., 18 Agosto 2009 @ 09:37 Reply

    @SPINA
    capisco quando dici che, tutto sommato, il miracolo “serve” al miracolato , ma , visto che l’esperienza è cara e si fa pagare per quello che vale, perchè non “approfittare” di quella altrui ? in altri termini perchè non trarne anche noi beneficio, giovamento e ,perchè no, anche un po’ di arricchimento spirituale ? Siamo una Comunità e come si condivide la preghiera credo sia giusto condividere anche il resto. La mia Fede non dipenderà certo dalla quantità di miracoli che sento o vedo, ma sapere che Gesù è misericordioso e ci aiuta anche attraverso i miracoli mi fa felice.
    Ciao Spina e ciao a tutti … buon martedì !

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 10:01 Reply

    Sarà strano per voi, ma a Maria non sono molto legata, non lo so ma per il momento sto lontano da lei, non tanto mi interessa scoprire qualcosa in più di quanto so, la stimo molto come donna, molte volte ci parlo pure in un modo molto particolare, però non mi sento in grado di dire cose, esperienze così belle come voi. Anche se nei momenti più critici della mia vita,nei momenti più duri l’unica parola che è sempre uscita dal mio cuore è stata AVE MARIA. So che x ora basta così.

  • lidia, 18 Agosto 2009 @ 10:27 Reply

    Possiamo ritornare a sentirci dei guidati – comunque guidati – dentro e secondo le nostre difficoltà e limiti?
    Difendere a spada tratta le proprie posizioni e rifiutarsi di muovere anche solo un passo in altra direzione significa rifiutare quella “guida” che mette insieme tutto e trova una soluzioni per tutto e tutti. La difficoltà della “guida” è sempre questa: quella dell’affidamento dei guidati.
    Certo le esperienze vanno condivise, ma non imposte … anche le esperienze sono personali.

    La libertà non è “fare quello che si vuole”, ma è scegliere quello che si avvicina di più al “giusto” ed il “giusto” è dentro un Vangelo preso nel suo insieme e non a pezzi.

    Maria di certo è una “guida”, ma la strada su cui cammina la Sua guida e su cui siamo guidati è sempre e comunque Gesù Cristo come le Sue stesse parole dicono “Io sono la Via, la Verità e la Vita”.

    Qualcuno ha parlato di una specie di idolatria in Maria … ma può succedere anche per Gesù … anche per lo Spirito Santo. La dirò grossa, ma cercare di fissare tutto su una sola Persona della Trinità o su un Santo che la Trinità ha generato ha l’aria di idolatria e non per nulla il nostro Credo ha un triplice Credo IN e dentro questo nostro Credo IN c’è anche la figura di Maria che continua essere il “mezzo” con cui la Trinità si è “fatta prossimo” all’uomo” e quindi e di nuovo quella “guida” che dovrebbe portarci all’unità nella diversità.

    La fantasia di Dio Trinitario è immensa ed è disseminata in ognuno di noi, facciamo tutti conto di essere dei piccoli frammenti di un puzzle gigantesco. Ognuno è diverso dall’altro, ma tutti sono indispensabili per uno stesso disegno. C’è il tassello insignificante dello sfondo, ad esempio, che pare uguale agli altri che sono “di sfondo”, ma se mancasse questo il disegno sarebbe incompleto. Lo stesso vale per quello particolare e decisivo magari per un volto: pare si esaurisca in sé stesso eppure se ci fosse solo questo di nuovo il disegno non solo sarebbe incompleto, ma addirittura incomprensibile.

    Tutto quanto scritto sopra è comunque parola di chi potrebbe essere nell’errore più grande: io appunto!!! Ma appena leggo o sento parole leggermente “stridenti” mi metto in allarme perché sono piccolissime lamette che dividono, anche se non ce ne accorgiamo, anche se dichiariamo che non è così.

    Ciao a tutti e domani è l’anniversario delle apparizioni a Fatima.

  • laura, 18 Agosto 2009 @ 10:42 Reply

    @lidia
    Cara Lidia, il mio “sei forte” era riferito al tuo modo passionale e vivo con cui scrivi…sicuramente hai sofferto molto, e hai saputo trasformare il dolore in qualcosa di bello, che è carica vitale! 😉

  • laura, 18 Agosto 2009 @ 10:51 Reply

    @SPINA
    Cara Spina, io mi riferivo al ruolo che la donna ha avuto nell’800 e 900, certo che bisogna essere in due per educare i figli…ma in quel periodo, e ancora nel900 così vicino, la donna dalla Chiesa (non l’insieme dei credenti) è stata incaricata di prendersi cura della fede del proprio marito e dei figli, perchè era la sola che continuava ad alimentare la sua fede…

  • laura, 18 Agosto 2009 @ 11:05 Reply

    @Lucia1
    Non ti preoccupare, qui nessuno spara! Vorrei solo dirti che anche io non mi sento particolarmente devota a nessun santo, ma li considero tutti come guide ed esempi, e leggere della loro vita mi rassicura, mi incoraggia, se non ci fossero loro correrei forse il rischio di credere che a noi poveri uomini è impossibile percorrere quella strada indicata da Gesù…troppo difficile e umanamente impossibile… 😉

  • lidia, 18 Agosto 2009 @ 11:11 Reply

    @laura
    … e potrei aver sbagliato tutto!!! O almeno è questa l’impressione che ho!

  • laura, 18 Agosto 2009 @ 11:17 Reply

    @lidia
    …sbagliare è umano, no? L’importante è imparare dagli errori e non rimanerci impigliati! Bisogna capire quando si sbaglia, e a volte è difficile, ma sappiamo a chi rivolgerci per poterlo fare, giusto? 😉

  • Lucia1, 18 Agosto 2009 @ 11:28 Reply

    @laura
    Grazie, Laura, cominciavo a sentirmi a disagio.
    Dio (in quanto Trinità) ha un modo diverso per ognuno di noi di contattarci, di educarci e di farci camminare, ripeto: ciò che va bene per me, non è detto vada bene per altri, ma anche viceversa.
    Ho le mie difficoltà e tanti limiti, non capisco tante cose, cammino con fatica cercando, molto malamente, di imitare Gesù, faccio quel poco che posso anche se non è molto. Penso che il bello della chiesa è che è fatta da persone completamente diverse, ognuno con la sua strada e la sua personalità, non sarebbe completa se una parte di essa venisse rifiutata.
    Siamo o non siamo tutti insieme il “corpo mistico” di Cristo?

  • laura, 18 Agosto 2009 @ 11:40 Reply

    @Lucia1
    comunque, e queste sono parole di un sacerdote: “non immaginiamo quanto i santi intercedano per noi…”
    Io chiedo il loro aiuto, non mi vergogno a dirlo, e spero nella preghiera dei fratelli per me, come io prego per loro.
    Anche a messa preghiamo tutti insieme dicendo “supplico la Vergine Maria, gli angeli, i santi, e voi fratelli, di pregare per me il Signore Dio nostro…”
    Non è detto che tutti ne sentano la necessità, ma anche Gesù ci dice che dove sono riuniti due nella preghiera lì è Lui… Non siamo soli, proprio perchè siamo “il corpo mistico di Cristo”, è naturale e vitale il sostegno reciproco, perchè se una sola persona che ne fa parte soffre, soffre tutto il corpo.

  • Saulo, 18 Agosto 2009 @ 11:42 Reply

    Chiedo a Spina in particolare, di sopportarmi ancora un pò per chiarire un paio di cose 🙂

    Le apparizioni non le confonderei con i miracoli.
    Per miracolo comunemente intendiamo una cosa inspiegabile, tendenzialmente una guarigione improvvisa e possono essere di vario genere. A me piace come li chiama l’Apostolo Giovanni: “Segni”, in quanto la finalità di Gesù non è guarire il male fisico (passeggero e che non ti evita comunque la morte), ma aiutarti nello Spirito.

    Le apparizioni invece, sono ovviamente qualcosa di soprannaturale per noi, ma l’oggetto è chiaro (normalmente è la Madonna che si fa vedere) e la finalità ce la dice di volta in volta.

    Quasi mai (per quanto a me noto), le apparizioni hanno finalità solo per i veggenti, ma loro sono solo l'”amplificatore”, la voce che usa la Madonna.

    Nella mia risposta a Paola, ho sorvolato sul perchè delle apparizioni a Medjugorje, dato che le interessava più se ci credo e perchè.

    A me sembra però che nel dibattito creatosi, si trascuri una “cosa” essenziale : perchè la Madonna si “manifesta” qui sulla terra ad alcuni veggenti (avete notato che in molte apparizioni sono sempre ragazzi, circa della Sua età al momento dell’Annunciazione ? …) che seglie Lei.

    Qualcuno ha detto che Gesù è la via. Giustissimo.
    Qualcuna ha detto che le basta Gesù. Potrebbe/dovrebbe essere giusto, ma purtroppo per noi non è così.

    E la nostra Madre (quale madre terrena non lo farebbe ? figurarsi Lei …) ci viene in aiuto.

    Faccio notare che più volte nei messaggi a Medjugorje, Maria ha detto che “Gesù le permette di venire qui sulla terra…”

    Questo vuol dire 2 cose:
    1) E’ Sua l’iniziativa (di Maria) di volerci venire in aiuto;
    2) Gesù glielo permette, ma per un tempo limitato.

    Ora veniamo al sodo : perchè Maria ci viene in aiuto.

    Perchè, come ha detto nel messaggio che ho riportato all’inizio di questo post, siamo sulla strada sbagliata !
    Si, Gesù è la Via, ma non non stiamo percorrendo quella giusta !!!

    Lei allora vuole portarci tutti a Lui, ma per poterlo fare, bisogna imitare Lei che ha seguito Gesù sempre.

    Accenno solo all’ostacolo principale (se non unico) che abbiamo qui sulla terra per riuscire a camminare sulla Via : satana (la iniziale minuscola è voluta).

    In uno dei messaggi, Maria ci ha detto che satana ha chiesto ed ottenuto da Dio di essere liberato dalle catene. Dio gliel’ha concesso, ma per un periodo limitato.

    Guardatevi intorno. Cercate di leggere i segni del tempo che ci circonda.

    Cerchiamo di non cadere nello stesso errore dei Giudei quando :
    Luca 12:56 “Ipocriti! Sapete giudicare l’aspetto della terra e del cielo, come mai questo tempo non sapete giudicarlo?”

    Dio ha concesso a satana di scatenarsi, sciolto dalle catene, ma contemporaneamente non ci ha lasciato soli : ci manda ogni giorno Sua Madre !!!

    Ci sarebbe molto ancora da dire, ma temo di aver tediato già qualcuno 🙂

    Maria appare per riportarci sulla strada giusta che porta a Suo Figlio.

    E appare da tanto tempo a Medjugorje perchè, oltre a dimostrare anche noi una dura cervice 🙁 vuole contrastare l’opera scatenata del principe di questo mondo.

    Ma sappiamo la fine che farà la serpe: schiacciato dal piede della Donna 😉

  • laura, 18 Agosto 2009 @ 11:53 Reply

    @Saulo
    Hei, Saulo, non tedi nessuno! E poi ora che Janus fa sentire la sua mancanza…ti tocca compensare! 😉

  • Paola B., 18 Agosto 2009 @ 12:02 Reply

    @Lucia1
    cara Lucia1 se parliamo di limiti credo di potermi tranquillamente inserire nella top 10 ! E ti dirò di più . A volte conscia e consapevole di alcuni limiti gli stessi sono diventati la strada da percorrere , proprio perchè non era possibile andare oltre. Ma ci provo lo stesso. E il mio provarci sta proprio nel tentativo di portare nella mia quotidianità gli insegnamenti del Vangelo o di Maria o di Chiunque altro possa in quel momento illuminarmi. L’entusiamo che mi accompagna non è dettato da uno stato di incoscienza o rimbambimento ( sono anni che mi sono accorta che il mondo non è Cartoonia) ma dalla consapevolezza di non essere da sola ad affrontare i miei giorni, le mie preoccupazioni (tante ) e le mie sofferenze (infinite ). Poi , come giustamente dici, ogni persona è a sè, e anche il modo di elaborare gli avvenimenti diventa poi soggettivo e ognuno ne trae le conclusioni che più gli corrispondono .

  • Paola B., 18 Agosto 2009 @ 12:10 Reply

    @Saulo
    ..sono in ufficio e mi è venuta la pelle d’oca .. ma non per l’aria condizionata ….

  • Molly, 18 Agosto 2009 @ 14:06 Reply

    X SAULO
    grazie sei sempre incisivo e molto preparato… mi piace leggerti :0)

    X LUCIA1
    quando dici: Rispetto e ammiro moltissimo Maria come donna e maestra di discepolato per tutti noi, ma mi rifiuto di divinizzarla.
    e perchè scusa cosa cambia alla tua fede se Maria è così considerata? non voglio farti un polpettone bigotto di cosa è giusto pensare o no, ci mancherebbe, ma
    mi piace molto pensare ad una frase di papa Paolo VI che dice: -Da questo sublime ufficio di Madre di Dio, come da arcana fonte limpidissima, sembrano derivare tutti quei privilegi e quelle grazie che adornarono in modo e misura straordinaria la sua anima e la sua vita.
    come per dire che Maria è un pezzo da 90!!! sempre Paolo VI diceva:Preghiamo perchè la nostra devozione a Maria sia quale dev’essere: una via verso Cristo.
    ciao ciao

  • lidia, 18 Agosto 2009 @ 14:25 Reply

    E già! … Solo che se poi La si imita così tanto da avvertire anche un pochino lee sofferenze che ha passato Maria … bé non è che vada molto bene a livello di “giudizio generale”, ma se è la GUIDA per percoorrere la Via che è Gesù Cristo è perchè in qualche modo dobbiamo assomigliarle, identificarci in Lei e se lo dobbiamo fare è perchè è possibile farlo.

    Mi pare che questa sia pura logica.

  • SPINA, 18 Agosto 2009 @ 15:37 Reply

    @Saulo
    Ti chiedo ancora scusa Saulo, sono Spina di nome e di fatto…Purtroppo però non sento bisogno nemmeno di veggenti,non sò se ci credo o meno è irrilevante.Non mi sento certo arrivata, anzi non sò nemmeno se sono mai partita…Cerco di affinare i sensi dell’anima per distinguere il cammino nelle difficoltà della vita.Affermato ciò non mi ci vuole molto per capire che il male c’è, spesso si nasconde dove meno me lo aspetto,stò in guardia piu’ che posso perchè sola sono molto debole.
    Insomma combatto come tutti gli altri la mia buona battaglia, poi vivo serena per quel che mi è dato,cercando di portare agli altri la gioia di sentirmi figlia….
    Se c’e’ qualcheduno che vede o sente…uso molto le pinze e comunque per me non è fondamentale!

  • Lucia S, 18 Agosto 2009 @ 15:38 Reply

    Siamo ivitati ad essere imitatori di Cristo, così dice la Parola…..

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 15:39 Reply

    Scusatemi se cambio argomento ma da ieri mattima sono come dire molto triste, perchè mi è capitato tra le mani un libro che ho praticamente divorato ma allo stesso tempo non mi ha fatto dormire stanotte e non riesco ancora a togliermelo dalla testa. Già il titolo è tutto un programma “Non ci dimenticate”, è un diaro scritto sa alcuni miei compaesani che sono stati l’anno scorso in Palestina. Qui in questo libro parlano israeliani e palestinesi del loro faticoso cammino di pace.
    Mi ha colpito molto cosa ha detto un vescoso ( premesso che alla sua famiglia gli è stato tolto tutto) che qui viene aiutato molto soprattutto dalle donne e mamme non cristiane nel suo duro lavoro per poter garantire un po’ di dignità a questi ragazzi palestinesi.”Non voglio vivere nella sofferenza del passato, bisogna vivere l’oggi.Non voglio costruire un muro tra me e i giudei: Voglio costruire un ponte tra me e i miei fratelli ebrei: E’ questa l’educazione che dono ai miei ragazzi. Non mi dite che non potete far nulla: Meglio morire! Voi avete la capacità di cambiare in meglio e questo è ciò che vi chiedo: se avete amici ebrei, anche se fossero fanatici, io vi chiedo, vi supplico: continuate ad essere loro amici. Donate tutto ciò che potete..soldi, tutto. Questo non mi rattrista.Fate il tifo per gli ebrei, ma smettetela di pensare che essere amici degli ebrei significa essere nemici dei palestinesi. Se volete parteggiare per i palestinesi, è ok. Per una volta sarete dalla parte giusta. Ma se parteggiare significherà essere con noi contro gli ebrei,non abbiamo bisogno della vostra amicizia. perchè se state da una parte contro l’altra siete un nemico in più e noi non abbiamo bisogno di nemici.Abbiamo bisogno di amici comuni.Se potete far questo venite pure, altrimenti restate a casa….
    Beh, cosa dirvi da ieri io prego per loro israeliani e palestinesi, e un po’ per tutti. Ad un certo punto mi son detta: Signore tu ci hai fatto con tanto amore e noi cosa siamo diventati? HAi visto come siamo cattivi?, quanta cattiveria nel nostro cuore, sin da piccoli, per piccole cose, si nota subito la nostra cattiveria.
    Allora ho pensato di proporvi questa mia riflessione perchè anche voi con me possiate pregare per questi popoli, perchè posssano imparare da Gesù a con-dividere la loro terra, visto che abitano in quei luogi dove Gesù è vissuto quando era tra noi.

  • lidia, 18 Agosto 2009 @ 16:14 Reply

    @Lucia
    Ecco, Lucia, è proprio questo problema di cui ho parlato spesso: la divisione, l’uno contro l’altro, la fazione.
    Dovremmo essere tutti uniti contro il divisore perchè è lì il fine principale del male che riscontra in ogni ambito e su ogni scala: da quella piccola di famiglia a quella più grande mondiale.

    Pregare contro ogni forma di divisione e contrapposizione e poi, se ce la si fa, operare per questo.
    Non significa accettare tutto il male ed essere dei bonisti, ma significa colpire il male, ma salvare chi l’ha compiuto.
    Giudicare il gesto, ma non chi l’ha fatto a cui vanno preghiere su preghiere per quanto ci è stato permesso. Non possiamo giudicare nessuno, non possiamo farlo per nessun motivo, ma dobbiamo opporci ai gesti di male.

    Il “perdonate 70 volte 7” è proprio su questo che verte: sul peccatore, ma non sul peccato.
    Lo stesso sciogliere e legare del mandato di Gesù si riferisce a questo e forse significa proprio: sciogliere dalla colpa il peccatore e legare il peccato.

    Ho sempre pregato per questo e per tanti popoli che sono in questo dramma, ma che non sono “casi mondiali” da prima pagina.
    Ho sempre pregato per questo anche e soprattutto per il popolo cattolico che – abbiamo almeno il coraggio di ammetterlo – ha in sé la tentazione della divisione all’interno.

    Maria è stato il “mezzo di Dio” che ha legato il Cielo alla terra, con la Sua Assunzione al Cielo è anche Colei che ha legato la terra al Cielo.
    Per me più che pregare PER Lei, A Lei vale di più il pregare CON Lei ed entrare in una specie di forma empatica di grande amore e passione per il bene di ogni uomo.

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 16:29 Reply

    Ok Lidia, sai cosa sto pensando?, io non sono brava con le parole, e le elaborazioni, ma tu invece si! Però nella mia piccola testa ci sono tante cose, che molte volte non riesco a far venir fuori, come sai fare tu!, allora se non ti da fastidio ti darò l’idea e tu la ebalori( che ne dici? ti va l’idea?) hai commentato perfettamente il mio pensiero, era quello che volevo dire!! Visto poi che Maria è vissuta in quel luogo così critico già da allora…
    Baci…

  • SPINA, 18 Agosto 2009 @ 16:34 Reply

    @lidia
    Carissima:lo sai che saresti un’ottimo parroco.Per quel che sò di te potresti anche esserlo,in incognito.Bene se non sei parroco,potresti esserlo poichè hai la dote di saper scorgere il bene di ognuno…come vedi io sono molto spinosa, la mia paura il mio terrore è che la buone fede delle persone venga strumentalizzata.Per i più svariati motivi.A me è successo,e la mia ultima esperienza parrocchiale è finita proprio per questo, sò che fa molto male e non voglio che questo male sia fatto a nessun altro,anche se temo sia impossibile.Per questo mordo un pò, chiedo perdono a tutti,è che siete l’unico appiglio che mi è rimasto. Grazie Lidia

  • lidia, 18 Agosto 2009 @ 16:44 Reply

    @Lucia
    volentieri … ma non ti scordare mai il tuo senso critico, sono piena di errori, ma quello che mi terrorizza (perchè ne ho provati gli effetti) sono gli errori contro l’amore.

    @SPINA
    se fossi un parroco o un prete sarei già nella fornace con Geremia e spesso mi picchierei la testa contro il muro pur di stare zitta e pensare un po’ a me stessa.

    Prego solo di essere un piccolo dono insignificante

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 16:46 Reply

    Mio marito scherzando mi ha detto che l’urto che ho preso alla testa quel giorno dell’incidente è stato proprio forte, visto gli effetti collatterali.. In effetti è vero, sarà il riposo, sarà il silenzio, sarà la pace interiore, ma la mia vita stà cambiando, il mio modo di vivere, di pensare stà cambiando. Mi ritrovo a pregare per chi soffre,a fare discorsi diversi con i miei bambini, a far pregare anche loro in un modo diverso.Stamami comunque ho pregato il rosario per la pace, quella pace che inizia dal piccolo nucleo familiare, perchè è lì che si diventa uomini capaci di agire nel bene o nel male, la nostra piccola famiglia chiama a vivere ogni giorno da cristiani, a seguire Gesù uomo, Maria donna e madre, a donare a condividere a vivere come loro.A noi mamme ci e’ data la responsabilità di educare con l’esempio i nostri figli alla pace e alla sequela.

  • Saulo, 18 Agosto 2009 @ 16:47 Reply

    Posso ancora ? 🙂

    Vi propongo un’altra riflessione.

    Dopo il “fallimento” dell’essere umano che si è manifestato con l’avvento dell’Incarnazione (calma, non sono parole mie, ma del buon vecchio Paolo. Andate ad ascoltare le sue bellissime registrazioni sul Natale 🙂 ), l’annuncio della Buona Novella da parte di Gesù, la Sua passione, morte e Resurrezione, ora le cose dovevano andare per il verso giusto, no ?

    E invece no.
    Perfino gli Apostoli, chi si impicca, chi tradisce, chi scappa.

    Allorà Gesù gli tocca tornare per un certo tempo, manifestarsi, dargli coraggio, ma tutto sembrava avere solo effetto temporaneo.
    Duro per me leggere ogni volta, il “tradimento ripetuto” di Pietro : Giovanni 21:3 “Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare».”
    Ma quella notte (ancora tenebre dentro di loro) non presero niente.

    Gesù allora trova la soluzione finale : Io torno al Padre, ma vi lascio lo Spirito Santo.
    E in effetti lo Spirito Santo rinforza e consolida gli Aspotoli e molti moriranno martiri.

    [Storia cristiana del mondo in Saulo-Bignami 😀 ]

    Ora la mia riflessione che volevo proporvi, tenendo sempre in mente il rimporvero di Gesù in Luca 12:56, è la seguente:

    Se con la discesa dello Spirito Santo, le cose sulla terra sembrano aver preso la via per cui Dio l’ha pensata, perchè ad un certo punto della storia cominciano le apparizioni Mariane ? (ok, c’e’ chi non crede ancora a Medjugorje, ma pensate alle famose Fatima e Lourdes)…

  • Saulo, 18 Agosto 2009 @ 17:01 Reply

    Lucia :
    Stamami comunque ho pregato il rosario per la pace, quella pace che inizia dal piccolo nucleo familiare, perchè è lì che si diventa uomini capaci di agire nel bene o nel male, la nostra piccola famiglia chiama a vivere ogni giorno da cristiani, a seguire Gesù uomo, Maria donna e madre, a donare a condividere a vivere come loro.A noi mamme ci e’ data la responsabilità di educare con l’esempio i nostri figli alla pace e alla sequela.

    Che bello Lucia ! stai facendo proprio quello che ci chiede in questo tempo, nei nostri giorni, nostra Madre in alcuni messaggi di Medjugorje : pregate il rosario in famiglia !

    E in questo invito, ci sono due preoccupazione di Maria :

    1) La famiglia. Stiamo assistendo ad un attacco esponenziale a questo importante strumento sociale, scuola di amore e condivisione. E dietro c’e’ sempre lui, satana.

    2) La preghiera. Maria esorta sempre a pregare nei suoi messaggi e spesso invita a pregare il Rosario in famiglia. Il pregare insieme, rinsalda e dà testimonianza.

    Io e mia moglie, con figli adolescenti, facciamo un po’ fatica a coinvolgerli nel Rosario, ma quando riusciamo è bello perchè notiamo una sempre maggiore preparazione e partecipazione 🙂

  • SPINA, 18 Agosto 2009 @ 17:09 Reply

    @Lucia
    E vai Lucia!Sei grande, io faccio il tifo per te…da stadio!Che belle cose sà fare il Signore. Grazie Lucia.

    @Saulo
    Ma perchè al posto di citare, cose interessantissime, che però uno se vuole se lecerca sui libri…non ci racconti un pò di te’.
    Qualche tua esperienza anche piccola piccola,così magari anche io che sono “de coccio” e molto molto ignorante capisco il dono che sei per me..?.non sò fare le faccine con i sorrisi comunque immaginatene tante !

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 17:16 Reply

    Saulo, ma il Signore ci ha lasciati liberi, noi purtroppo non siamo capaci di usare sempre bene la nostra libertà, leggevo sul catechismo della chiesa cattolica che il peccato, il male è un abuso di quella libertà che Dio dona alle persone create perchè possano amare lui e amarsi reciprocamente. Tuttavia Dio non ha mai smesso di prendersi cura dell’uomo e nella sua infinita misericordia non permetterà mai che l’uomo vada completamente in perdizione ecco perche ci sono le apparizioni, perchè sempre Dio cerca un modo per far sì che l’uomo si ravvedi.

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 17:24 Reply

    Beh Saulo io ci riesco con i bambini perchè sono ancora piccoli e riescono a darmi retta ogni tanto anche se molte volte la sera non ne hanno proprio voglia di pregare, però qualche piccola Ave Maria riescono a dirla.Ma con mio marito, non se ne parla proprio, lui di chiesa zero, non ne vuol sentir parlare, dice che la chiesa ha rovinato il mondo. Però sono riuscita a farlo confessare prima della 1° comunione del bambino e ogni tanto riesco a farlo venire a messa. E’ già un passo avanti,tutto sommato almeno non mi impedisce di pensarla diversamente e di impegnarmi in parrocchia.

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 17:29 Reply

    Grazie Spina x il tifo,
    ma grande non sono, mi sento piccola, piccola rispetto a voi tutti,voi si che avete una fede e un coraggio così grande!!

  • Saulo, 18 Agosto 2009 @ 17:39 Reply

    @SPINA

    Avevi detto bene, Spina di nome e di fatto, eh ?! 😀

    Forse il dono per te è che invece di andare a cercarle le cose (saresti andata?) te le trovi già qui 🙂

    Cmq mi sembra di aver raccontato già qualcosa in questo post. Prova a rileggermi (magari quando non riesci a prendere sonno 😀 )

  • SPINA, 18 Agosto 2009 @ 17:53 Reply

    @Lucia
    stò per andare a messa in un santuario Francescano che è vicino a casa mia,se vuoi qundo vado a fare la comunione ti porto con me…so che sei bloccata a letto!La messa inizia alle 18 e 30.La comunione sara’ verso le 19.I frati dicono la messa feriale in una piccola cappella vicino alla sacrestia ,siamo in pochi ma loro comunque ci accolgono sampre con grande gioia. Bisogna osare e chiedere la conversione di tuo marito, che con una come te al fianco tanto distante da Dio sicuro non è!Allora daccordo.Spina

  • SPINA, 18 Agosto 2009 @ 17:56 Reply

    @Saulo
    Scusa ti ho letto dopo…vai così…adoro la comunione delle cose dello spirito.Ti prometto ,leggerò tutte le tue citazioni…Grazie!

  • Lucia, 18 Agosto 2009 @ 18:35 Reply

    Veramente non ho avuto modo di dirvelo prima,(non volevo essere al centro dell’attenzione) ma da pochi giorni riesco ad uscire e anch’io sto per andare a messa stasera alle 19,00 mi unisco a te Spina spiritualmente per pregare Dio soprattutto per le famiglie perchè ci sia pace e porto tutti voi con la preghiera al cuore di Gesù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Maria Assunta

Scritto da  

Assunta

Scritto da