Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Vorrei far fare un po’ di purgatorio ai liturgisti, sinceramente.
Nel periodo di Natale, tre settimane scarse, ci troviamo due volte a settimana per celebrare una festa. Per i preti, poveracci, calcolando la vigilia, quattro volte a settimana. C’è da perdersi, complice le doverose e legittime vacanze che chi può sta facendo.
Un po’ di dieta servirebbe anche alla liturgia!
E in questa overdose di celebrazioni, la seconda domenica di Natale è tra le più fiacche dell’anno.
Ci si arriva con le pile scariche e il colesterolo alto.
Bene il Natale, discreta la domenica della Santa famiglia, e vada per capodanno con Maria… Ma tornare a messa per la quarta volta in dodici giorni mette a dura prova la fede!
E la liturgia denuncia questa stanchezza. Cosa c’è ancora da dire?
Allora puntiamo in alto, voliamo ad alta quota, come accade a me oggi.
E vai col prologo di Giovanni, e la meditazione della Sapienza e l’inno agli Efesini di Paolo.
Insomma: teologia allo stato puro, emozioni forti, se solo sapessimo ancora averne, leggendo la Parola.
Leggo, poco convinto, e mi fermo subito.
Merito della nuova traduzione della Bibbia. Carino.
Cambiamenti
Giovanni scrive il suo prologo alla fine del suo vangelo, come se fosse un riassunto di tutta la sua predicazione. E ho sempre usato, negli anni scorsi, una frase di fortissimo impatto che ho mandato a memoria e che, dal mio parziale e discutibile punto di vista, dice bene cos’è il mistero del Natale (non la farsa del Natale che ne abbiamo fatto).
Giovanni dice così: la luce splende nelle tenebre, ma le tenebre non l’hanno accolta.
Chiaro, forte, immediato, devastante.
Non c’è molto da celebrare a Natale, ma da convertirsi e pentirsi. L’umanità non ha rivolto una grande accoglienza alla prima venuta di Dio. C’è poco da festeggiare, insomma, quasi come se si imbastisse una festa in ritardo.
Natale è dramma: Dio viene e l’uomo non c’è. Pochi si accorgono, ancora meno lo accolgono: Maria e il suo amatissimo sposo, i pastori, i magi, Simeone e Anna la profetessa. Fine dell’elenco. Ecco perché i fratelli orientali osano dire ciò che noi, pudicamente, omettiamo: nelle icone della natività il bambino è adagiato in una tomba.
È già il mistero di contraddizione, è già il crocefisso (non per niente i magi portano la mirra per imbalsamare i cadaveri…) questo bambino. Poche dolcezze e smancerie, pochi sussulti davanti a questo infante ma scelta, schieramento, riflessione.
Bello.
Ma, nella nuova versione, c’è una nuova sfumatura.
Vittorie
La luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta.
Bella storia.
In questa nuova traduzione si sottolinea non il rifiuto delle tenebre, ma l’ostinazione e la forza della luce.
Dio insiste, Dio non si da per vinto, Dio esagera, alza il tiro, offre una soluzione, si dona ancora e sempre. Bello, bellissimo.
Se fossi Dio mi sarei già stufato da un pezzo dell’umanità, credetemi.
E invece no, Dio insiste, Dio non cede, Dio vince.
Amica che sei nelle tenebre della depressione: le tenebre non vincono.
Amico prete travolto dalla fatica dell’apostolato e dalla solitudine: le tenebre non vincono.
Fratelli che cercate di portare un minimo di logica evangelica nella vostra azienda passando per fessi: le tenebre non vincono.
Discepoli che portate la logica della pace e della dignità umana nelle discariche del mondo dimenticate da tutti: le tenebre non vincono.
Figliolanza
A chi accoglie la luce Dio dona il potere di diventare figlio di Dio, scrive Giovanni il mistico.
Io sono figlio di Dio. Non m’importa essere altro.
Né premio Nobel, né grande star.
Sono già tutto ciò che potrei desiderare.
Solo che corro dietro a mille sogni e a mille chimere pur di ricevere compiacimenti e approvazione. Ma sono già figlio. Solo che non lo so. O non lo vivo.
Natale è la presa di coscienza della mia figliolanza, della mia dignità, del fatto che Dio si racconti e che sia splendido.
Tutta la nostra vita consiste nel lasciare che la luce ci abiti.
Nel non credere che le tenebre vincano noi e il mondo.

Ecco, fine, chiudiamo il cerchio.
All’inizio dell’avvento dicevo: non siamo qui a far finta che poi Gesù nasce. Gesù è già nato, ha svelato il volto di Dio, è morto e risorto, ha salvato il mondo, ogni uomo.
È che il mondo non lo sa.
Gesù è nato, a noi – ora – di nascere alla fede, infine.

Teologia pura.
Che mi converte la vita.

Share:

1 Comment

  • Anna Fiordiponti, 12 Novembre 2015 @ 18:10 Reply

    Leggo il libro di Augias e Vannini Inchiesta su Maria e mi colpisce il versetto ” La luce splende nelle tenebre… faccio ricerca e mi colpisce la sua frase, in questo articolo, “Se fossi Dio mi sarei già stufato da un pezzo dell’umanità, credetemi” che condivido totalmente. La Fede è un cammino in salita ma anche in discesa, questo è il nocciolo. Ho visitato i più importanti santuari Mariani con fede SOFFERTA ma agognata e forse ora “quasi” persa. “È che il mondo non lo sa.
    Gesù è nato, a noi – ora – di nascere alla fede, infine.” Teologia pura.
    “Che mi converte la vita.”
    Mi dica come si rinasce alla fede…e condividerò il suo consiglio, come ho già fatto con questo articolo, Grazie la saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Fuochi

Scritto da  

Giovanni

Scritto da