Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati.
Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio».

Possiamo vedere la bellezza di Dio in molte cose, anche nella bontà di chi ci sta intorno e, così facendo, riverbera lo splendore del vangelo senza saperlo. La gratuità, il dono generoso di sé e del proprio tempo, la disponibilità sono modi concreti di manifestare la bellezza dell’uomo e la bellezza di Dio. Non solo: la misericordia, cioè la capacità di guardare alla miseria degli altri con un cuore largo e benevolo, testimonia il vero volto di Dio e riempie il nostro cuore di una misura pigiata e ben scossa. Il cammino che stiamo facendo dovrebbe/potrebbe portarci a crescere nella misericordia, a lasciare emergere in noi il lato bello, il lato buono. La conclusione del discorso della montagna in Matteo è perentoria: siamo chiamati ad essere perfetti come il Padre. Oggi Luca corregge il tiro ricordando a tutti che la perfezione di Dio consiste nella sua infinita misericordia. Il discepolo non imita l’asettica perfezione di Dio ma la sua accogliente bontà e pazienza. E se c’è un aspetto su cui le nostre comunità devono investire è proprio questo: diventare un Tabor per l’uomo d’oggi, capaci di accoglienza e di ascolto senza giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare