Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono. 
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. Subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui. Mc 1,14-20

Così chiudiamo il tempo natalizio e riprendiamo il nostro consueto tran-tran, un tempo ordinario così straordinario, ora che è abitato dalla presenza di Dio! E leggendo i primi versetti del vangeli di Marco, ci mettiamo nello stato d’animo giusto per iniziare questa settimana: Gesù annuncia la venuta del Regno, chiede a chi lo ascolta di accorgersi di Dio che si è fatto vicino, accessibile. Poi sceglie dei collaboratori e lo fa a Cafarnao, sulle rive del lago di Tiberiade. L’acqua, per un ebreo, rappresenta il confine che divide il mondo certo e rassicurante da quello sconosciuto e pericoloso: popolo di terra, gli ebrei hanno sempre diffidato dal mare. E questo grande lago rappresenta un confine con il mondo pagano, a est. Gesù prende i suoi discepoli dai confini, dai margini, li vuole meticci, abituati al confronto, pronti al dialogo. Non sceglie sapienti scribi e dottori della Legge, ma pescatori abituati alla fatica e alla quotidianità. Gesù, ancora oggi, viene a cercare ciascuno di noi proprio là dove viviamo, nella quotidianità, al lavoro, per farci suoi discepoli, per aiutarlo ad annunciare al mondo il volto misericordioso del Padre.

ubito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Share:

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Matteo

Scritto da  

Non temere

Scritto da  

Levi

Scritto da