Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola:
«Osservate la pianta di fico e tutti gli alberi: quando già germogliano, capite voi stessi, guardandoli, che ormai l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che il regno di Dio è vicino.
In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto avvenga. Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno». Lc 21,29-33

Davanti agli eventi drammatici, davanti ad un mondo che sembra sempre sull’orlo del baratro siamo invitati ad alzare lo sguardo. In queste ultimissime settimane dell’anno liturgico stiamo leggendo gli impegnativi vangeli che parlano della fine dei tempi, per riflettere insieme sul destino della Storia che, per noi cristiani, non è un inevitabile precipitarsi verso il caos ma il dispiegamento del Regno di Dio. Ci vuole fede per dirlo, ci vuole fede (e molta) per credere in questa prospettiva. Ma è ciò che siamo chiamati a fare: a lottare per un cambiamento e un rinnovamento che deriva dalla nostra fede in Cristo, senza fuggire il mondo, senza costruirne uno in parallelo. Sì: noi crediamo che Dio sta operando nelle pieghe della storia, che sta rinnovando l’umanità, a partire dalla Chiesa. E in questo tempo (lungo, faticoso, a volte sfiancante) abbiamo una luce che ci illumina: la Parola che non passa, le parole del Signore che ci aiutano a leggere gli eventi, ad interpretare la Storia. Meditiamola continuamente questa Parola, facciamola diventare punto di riferimento, faro luminosissimo nella nostra tenebra, finchè il Signore venga.

Share:

4 Comments

  • Umberto Carli, 28 Novembre 2019 @ 18:25 Reply

    Grazie!

  • Marcella, 28 Novembre 2019 @ 22:22 Reply

    Riflessione molto bella, come sempre, però per i cristiani tiepidi come me, è un po’ faticoso interiorizzarla affinché diventi vita

  • Umberto, 29 Novembre 2019 @ 06:18 Reply

    Pianta.
    Come tutte sembrano sempre uguali e senza cambiamenti, ma se eliminiamo l’umana fretta ne notiamo i lenti cambiamenti che da fuscello diventa tronco. Questo avviene sempre e di continuo. Come la Parola di Dio cambia la persona che ascoltano senza fretta e la trasforma. Per questo oggi siamo più vicini a Lui di quando abbiamo iniziato a guardare quella piccola pianta.

  • Lorella, 29 Novembre 2019 @ 10:47 Reply

    Buongiorno , da molto tempo condividevo il suo commento con la mia parrocchia , peraltro molto gradito, e adesso ,con questo cambiamento, non posso più condividerlo. Per me era più bello il precedente, come esposizione questo è molto freddo, lo so ,importante è il contenuto, ma ero affezionata al precedente. Kiedo scusa x il commento ma questo è il mio pensiero. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare