Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. La sua fama si diffuse per tutta la Siria e conducevano a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guarì. Grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano. Mt 4,12-17.23-25

Gesù inizia il suo ministero dai confini del mondo, dalla terra sconsacrata. In Israele, al tempo di Gesù, la devozione era proporzionale alla distanza geografica da Gerusalemme. Il Nord, la Galilea, veniva considerata dai puri di Gerusalemme una terra contaminata dai pagani e dai matrimoni misti. Zabulon e Neftali erano ai confini della Galilea, le prime due tribù di Israele crollate sotto la dominazione assira, molti secoli prima. Una terra di meticciato, di confusione, di impurità, che Gesù sceglie per portare il suo primo annuncio. Dio si sporca le mani, non parte dai bravi ragazzi, ma da quelli abbandonati e scontrosi. E il messaggio che Gesù porta è straordinario: Dio ti si è fatto vicino, convertiti. È il Regno ad avere traslocato, non è nel rinnovato e suntuoso tempio di Gerusalemme che si incontra Dio, ma là dove qualcuno accoglie l’inaudito annuncio del Signore. Ricordiamocelo, quando corriamo il rischio di arroccarci nelle nostre parrocchie, nei nostri gruppi e movimenti, tenendo il mondo brutto sporco e cattivo fuori dai nostri cancelli santi e immacolati! Ricordiamoci che se la chiesa è il luogo dove celebrare il Risorto, la strada è il luogo in cui portarlo e riconoscerlo nel volto dei fratelli. A partire da Zabulon e Neftali.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Chi sei?

Scritto da  

Le discepole

Scritto da  

Chi vede me

Scritto da