Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio.
E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio». Gv 3,16-21

Si può ricominciare, certo, rinascendo dall’alto, ragionando come Dio ragiona. E Dio lo conosciamo grazie alla testimonianza di Gesù: guardando alla croce, misura dell’amore di Dio, capiamo come fare a rinascere. Gesù insiste: Dio stesso ci dimostra che l’unico modo per vivere rinnovati è donare la propria vita e lo manifesta donandoci suo Figlio. La volontà di Dio è una volontà salvifica: ciò che Dio desidera maggiormente è che tutti noi siamo salvi, cioè profondamente felici. Siamo, però, drammaticamente e straordinariamente liberi di accogliere la salvezza o di respingerla, di accogliere la luce o di lasciare che le tenebre riempiano la nostra coscienza, proprio perché amati siamo liberi, proprio perché liberi possiamo rifiutare quell’amore. Gesù risorto, vivente nei secoli, è pronto a donare se stesso per ciascuno di noi. Siamo salvi: accogliamo La salvezza e viviamo da salvati! Così facendo potremmo anche noi fare esperienza di dono, diverremo capaci di donare perché abbiamo ricevuto, capaci di amare perché ci siamo sentiti amati e accolti al di là e al di dentro dei nostri limiti.

Share:

1 Comment

  • Marialuisa Micillo, 21 Aprile 2020 @ 00:31 Reply

    Quello che mi colpisce di più in questo commento sono le parole che dicono che noi siamo liberi, perché amati e ,in quanto liberi ,possiamo rifiutare questo amore. Ma se lo accettiamo noi siamo salvi, cioè saremo capaci di donare amore. A questo punto penso a tutte quelle persone che nella loro vita non hanno ricevuto amore: come fanno ad amare. È vero che se crediamo nell’amore di Dio, ci sentiamo amati, ma , purtroppo, noi siamo esseri umani e comprendiamo la realtà che ci circonda attraverso i sensi. Facendo esperienza noi riusciamo a interiorizzare la nostra realtà. Quindi penso, e mi dispiace, che per tutte quelle persone che non ricevono amore materialmente, diciamo così, è più difficile credere, credere nell’amore di Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Che vi amiate

Scritto da  

Gesù è Dio

Scritto da  

Banchetti

Scritto da