Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.
Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse: «Ho sete». Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito. Gv 18,1 – 19,48

Silenzio. La Chiesa tace, riunita attorno alla collina del Golgota. Silenzio assoluto, tutto tace, le nostre chiese sono vuote, spoglie, disadorne. Tolti i fiori, tolte le candele, tolta anche la custodia eucaristica. Nessun suono d’organo anima la nostra preghiera, solo l’asciuttezza del silenzio attonito e adorante. Oggi nella Chiesa nessuno celebra l’eucarestia, per guardare all’unica eucarestia che Dio celebra dalla croce. Croce di mistero, croce di strazio, croce di infamia. Ma anche croce gloriosa, croce piena di speranza, croce che rivela, infine, chi è veramente Dio. Silenzio. Entriamo nelle nostre chiese spoglie cercando con lo sguardo l’immagine dell’appeso, che solennemente viene portata in processione e adorata. Ecco Dio, eccolo, veramente. Così distante il vero Dio dall’immagine piccina che di lui ci siamo fatti e continuiamo a farci. Dio ha dato tutto, è osteso, donato, mostrato. Un Dio che ama fino a morirne, un Dio che si lascia consegnare e appendere per mostrare a tutti che il suo amore è autentico, senza condizioni, senza rimpianti. Davanti alla croce, misura dell’amore e della serietà di Dio, anche noi proclamiamo: Dio grande, Dio forte, Dio immortale, abbi pietà di noi.

Share:

3 Comments

  • Marina, 10 Aprile 2020 @ 14:15 Reply

    Grazie Paolo.
    La tua profondità mi arriva al cuore in questo giorno di silenzio per ringraziare solo ringraziare il mio crocifisso.

  • Rosaria, 10 Aprile 2020 @ 16:23 Reply

    ” tutto e’ compiuto” dice Gesu’, non “tutto e’ finito”… E’ portata a compimento la missione d’amore e di Misericordia del Padre , e’ compiuta la salvezza di ciascuno di noi. Attraverso l’Amore infinito del Padre e del Figlio che contempliamo in quelle braccia spalancate sulla Croce. Per farci sentire cosi’tanto amati. Grazie Paolo perche’ ci fai capire sempre meglio questo. .Santa Pasqua a te e famiglia.

    • Maria Rosaria, 11 Aprile 2020 @ 09:58 Reply

      L’Amore è più forte.
      Le braccia spalancate sulla Croce di Gesù Crocifisso e il Suo Sangue Versato per noi, ci fanno rinascere, se lo vogliamo, a vita nuova.
      Grazie Paolo, Santa Pasqua 💗

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Addolorata

Scritto da  

Croce fiorita

Scritto da  

Sequela

Scritto da