Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, abbandonato in fretta il sepolcro con timore e gioia grande, le donne corsero a dare l’annuncio ai suoi discepoli. Ed ecco, Gesù venne loro incontro e disse: «Salute a voi!». Ed esse si avvicinarono, gli abbracciarono i piedi e lo adorarono. Allora Gesù disse loro: «Non temete; andate ad annunciare ai miei fratelli che vadano in Galilea: là mi vedranno».
Mentre esse erano in cammino, ecco, alcune guardie giunsero in città e annunciarono ai capi dei sacerdoti tutto quanto era accaduto. Questi allora si riunirono con gli anziani e, dopo essersi consultati, diedero una buona somma di denaro ai soldati, dicendo: «Dite così: “I suoi discepoli sono venuti di notte e l’hanno rubato, mentre noi dormivamo”. E se mai la cosa venisse all’orecchio del governatore, noi lo persuaderemo e vi libereremo da ogni preoccupazione». Quelli presero il denaro e fecero secondo le istruzioni ricevute. Così questo racconto si è divulgato fra i Giudei fino a oggi. Gv 20,11-18

Maria è tutta concentrata nel suo dolore, non riesce a spalancare lo sguardo e a riconoscere il suo Maestro. Spesso il dolore ci impedisce di accorgerci che Dio è accanto a noi: così per Maria, così per i discepoli di Emmaus. Ma se riusciamo a voltarci da un’altra parte, a staccarci per un attimo dal fiume di emozioni che ci travolge e ci impedisce di essere liberi dalla morsa del dolore, allora possiamo riconoscere il Signore che ci chiama per nome. Gesù chiama per nome Maria, la conosce, sa tutto di lei. Di cosa deve avere paura, Maria? Aveva trovato in Gesù il senso del suo cammino, la pienezza della sua vita, il colore dei suoi giorni, e ora pensa di avere perso tutto. Non è solo morta una persona che amava, è morto il suo Dio. Abbiamo bisogni di fare esperienza diretta di Dio per poter credere alla resurrezione. E da qui in avanti il Signore si farà riconoscere solo attraverso dei segni, dei simboli: la voce per Maria, la ferita per Tommaso, la pesca per Pietro, il pane per i discepoli di Emmaus. Possiamo riconoscere il volto di Gesù risorto solo attraverso dei segni, i sacramenti della sua presenza. Restiamo desti, non lasciamoci travolgere dal dolore.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Prendi il largo

Scritto da  

Perché piangi?

Scritto da  

Il risorto

Scritto da  

Nel Cenacolo

Scritto da