Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

[Dopo che ebbe lavato i piedi ai discepoli, Gesù] disse loro:
«In verità, in verità io vi dico: un servo non è più grande del suo padrone, né un inviato è più grande di chi lo ha mandato. Sapendo queste cose, siete beati se le mettete in pratica.
Non parlo di tutti voi; io conosco quelli che ho scelto; ma deve compiersi la Scrittura: “Colui che mangia il mio pane ha alzato contro di me il suo calcagno”. Ve lo dico fin d’ora, prima che accada, perché, quando sarà avvenuto, crediate che Io sono.
In verità, in verità io vi dico: chi accoglie colui che io manderò, accoglie me; chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato». Gv 13,16-20

Siamo inviati dal Signore. Come il Padre ha mandato il Figlio, così il Figlio manda me. Sapendo che seguire il Maestro non è una cosa scontata, che se vogliamo davvero essere discepoli, dobbiamo essere disposti e pronti a vivere le fatiche e le contraddizioni che il Signore per primo ha vissute nella sua vita. Troppe volte vorremmo la gloria scansando la sofferenza: seguire le orme del Maestro significa salire sul Golgota. Ma non siamo soli in questo (difficile) percorso: il Signore, il pastore, è sempre con noi e ci accompagna, Lui ci ha scelti, nonostante le nostre contraddizioni, nonostante i nostri evidenti limiti. Attenti, ci ammonisce il Signore, a non perderci come Giuda, che smette di essere discepolo per diventare maestro. Convinto che la politica operata da Gesù non porti frutti, Giuda combina un pasticcio pensando di farlo incontrare col Sinedrio. Forse Giuda vuole forzare i tempi, obbligare il Signore a manifestarsi. Davanti all’inganno che subisce, Giuda stesso si pentirà, ma sarà troppo tardi. Non mettiamoci al posto di Gesù nel senso di decidere al posto suo: sia Egli a condurre la vita che mettiamo a sua disposizione per la diffusione del Regno…

Share:

1 Comment

  • Lucia, 7 Maggio 2020 @ 09:51 Reply

    E allora il tempo che viviamo diventa preghiera per imparare a leggere i segni.che ci conducono a Lui. Ma solo la fiducia di essere tenuti fermamente per mano ci aiuta a salire lungo i sentieri spesso impervi della vita e a camminare protetti dal suo amore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Volpi e tane

Scritto da  

Da chi andremo?

Scritto da  

Di più

Scritto da