Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, mandarono da Gesù alcuni farisei ed erodiani, per coglierlo in fallo nel discorso.
Vennero e gli dissero: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno, ma insegni la via di Dio secondo verità. È lecito o no pagare il tributo a Cesare? Lo dobbiamo dare, o no?».
Ma egli, conoscendo la loro ipocrisia, disse loro: «Perché volete mettermi alla prova? Portatemi un denaro: voglio vederlo». Ed essi glielo portarono.
Allora disse loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». Gli risposero: «Di Cesare». Gesù disse loro: «Quello che è di Cesare rendetelo a Cesare, e quello che è di Dio, a Dio».
E rimasero ammirati di lui.
Mc 12,13-17

L’odio nei confronti di Gesù è riuscito a mettere insieme due partiti inconciliabili: i farisei, che conosciamo per la loro rigidezza nell’applicare le norme religiose, e gli erodiani, che, come il re cui si ispiravano, utilizzava la religione per fini politici. L’obiettivo è uno solo: mettere in difficoltà il profeta del Nord. Gli erodiani erano alleati dell’invasore romano e consideravano giusto pagare la tassa a Roma. Non così i farisei che lo consideravano un sopruso. La trappola tesa a Gesù è ben congegnata: si dimostrerà simpatizzante dei romani? Si dimostrerà un anarchico disobbediente? Ma Gesù non si lascia trarre in inganno: chiede ai farisei, che non dovrebbero tenerla, una delle monete romane con impressa l’effigie dell’imperatore. Un palese atto di idolatria. Il finale è quasi comico: Gesù chiede di pagare le tasse restituendo la moneta al legittimo proprietario di cui riporta appunto il ritratto… E ammonisce: non giochiamo con Dio, non giochiamo con Cesare! Sappiamo distinguere i vari livelli senza confonderli o piegarli arbitrariamente l’uno all’altro. Diamo a Dio ciò che gli è proprio, senza fare di Cesare un dio o di Dio un servo.

Share:

1 Comment

  • Lucia, 2 Giugno 2020 @ 09:18 Reply

    Sempre splendido Gesù! Come vorrei sapermi fermare e riflettere prima di precipitarsi a dare la mia interpretazione di un evento ….Sono tantissimi gli spunti che i Vangeli ci presentano questo è uno di quelli, un altro che sempre mi colpisce è quello della donna adultera che gli è stata portata per la sentenza sulla lapidazione….chi non si sarebbe precipitato nella mischia per affermare in qualche modo che la donna meritava misericordia? E Gesu che fa? Tace, scrive per terra, invita i presenti a guardarsi dentro l’anima…Vero che lui è Dio, ma è anche un uomo pieno di saggezza e lungimiranza….non si lascia intrappolare in meschini giochi di potere…Grande, immenso Uomo-Dio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Cesare o Dio

Scritto da  

Il tributo

Scritto da  

Cesare o Dio

Scritto da  

Cesare o Dio

Scritto da