Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 14 Ottobre 2020 | Lc 11,42-46

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».
Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!».
Lc 11,42-46

Va giù pesante il Signore, non ha certo peli sulla lingua quando si tratta di denunciare gli atteggiamenti malati e degeneri di una sana religiosità. Non erano brutte persone i farisei, tutt’altro: vivevano con grande forza e devozione la propria fedeltà ad ogni piccola minuzia della Legge orale, facevano proseliti ed erano ammirati dal popolo per la loro coerenza nel rispettare le prescrizioni. Ma, come fa notare Gesù, spesso quell’atteggiamento era fatto per auto-compiacersi, convinti di potersi presentare al cospetto di Dio con le carte in regola, dimenticando l’umiltà, atteggiamento essenziale per lasciare spazio a Dio nel proprio intimo. Peggio: i farisei guardavano dall’alto in basso il popolo ignorante che non conosceva nemmeno le troppe regole da seguire e che, perciò, viveva in un atteggiamento di peccato. Gesù rimprovera duramente il loro atteggiamento: la fede non può certo diventare un modo per distinguersi, per prendere le distanze dagli altri! E, oggi, rincara la dose, accusando anche i teologi del tempo che complicano la trasparente semplicità della Parola con le loro dotte elucubrazioni. Un ammonimento anche per noi qui, adesso!

Share:

2 Comments

  • Sandra, 14 Ottobre 2020 @ 08:04 Reply

    Grazie Paolo delle riflessioni così concrete semplici e applicabili ad ogni livello.
    Ogni giorno mi sembrano proprio fatte per me.
    Sto ascoltando e rimeditando il commento al Padre nostro, che mi fa recitare questa bella preghiera con più amore verso questo Papà che ci ama sempre.
    Grazie con grande riconoscenza.

  • Luciana, 14 Ottobre 2020 @ 09:57 Reply

    Purtroppo, gli atteggiamenti ipocriti e bugiardi non sono appannaggio dei farisei e dei dottori della legge…mi sembra che anche oggi, nelle nostre parrocchie, vi si possano notare …… non siamo poi cambiati tanto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Passeri

Scritto da  

Impedite

Scritto da  

Guide Cieche

Scritto da