Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 30 Ottobre 2020 | Lc 14,1-6

Un sabato Gesù si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Ed ecco, davanti a lui vi era un uomo malato di idropisìa. Rivolgendosi ai dottori della Legge e ai farisei, Gesù disse: «È lecito o no guarire di sabato?». Ma essi tacquero.
Egli lo prese per mano, lo guarì e lo congedò.
Poi disse loro: «Chi di voi, se un figlio o un bue gli cade nel pozzo, non lo tirerà fuori subito in giorno di sabato?». E non potevano rispondere nulla a queste parole.
Lc 14,1-6

È buffa questa storia del bue nel pozzo. Buffa perché ricorre spesso nei vangeli. Quando, durante gli scavi a Qumran, si è ritrovata una sterminata biblioteca contemporanea a Gesù, capendo quali letture nutrivano la vita dell’ebreo del I secolo, ecco nuovamente la storia dell’asino nel pozzo. Era uno di quegli esempi utili a spiegare l’osservanza della norma del sabato. Tutti erano più o meno concordi nel non lavorare o nel non accendere un fuoco o mettersi in viaggio, sia. Ma se il tuo asino maldestramente cade nel pozzo da cui si sta abbeverando? Caso tutt’altro che limite e piuttosto concreto visto il valore prezioso di questo piccolo animale indispensabile per lavorare la terra. Ed ecco la casistica proposta: per gli esseni, movimento radicale che si contrapponeva alla nuova gestione del tempio, non si poteva salvare l’asino, a costo di lasciarlo morire. Per i farisei e i rabbini si doveva nutrire e accudire ma salvare solo il giorno dopo. Gesù, libero nel cuore e uomo di buon senso, fa notare agli astanti che tutti, dal primo all’ultimo, in caso di necessità avrebbero salvato l’asino lasciando perdere la teoria…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare