Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 21 Ottobre 2020 | Lc 12,39-48

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».
Allora Pietro disse: «Signore, questa parabola la dici per noi o anche per tutti?».
Il Signore rispose: «Chi è dunque l’amministratore fidato e prudente, che il padrone metterà a capo della sua servitù per dare la razione di cibo a tempo debito? Beato quel servo che il padrone, arrivando, troverà ad agire così. Davvero io vi dico che lo metterà a capo di tutti i suoi averi.
Ma se quel servo dicesse in cuor suo: “Il mio padrone tarda a venire”, e cominciasse a percuotere i servi e le serve, a mangiare, a bere e a ubriacarsi, il padrone di quel servo arriverà un giorno in cui non se l’aspetta e a un’ora che non sa, lo punirà severamente e gli infliggerà la sorte che meritano gli infedeli.
Il servo che, conoscendo la volontà del padrone, non avrà disposto o agito secondo la sua volontà, riceverà molte percosse; quello invece che, non conoscendola, avrà fatto cose meritevoli di percosse, ne riceverà poche.
A chiunque fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».
Lc 12,39-48

Questo è tempo per cristiani forti, non deboli. Non mezze cartucce che si lasciano trascinare dall’abitudine e sono cristiani solo perché nati in questo paese. Non cristiani che passano il tempo a porre dei “distinguo” perché eccessivamente pigri. Tempi forti chiedono una forte appartenenza, non fanatica o aggressiva, ma convinta e determinata. E per avere una tale appartenenza occorre incontrare Cristo nella propria anima e lasciarlo crescere, giorno dopo giorno. Cristiani forti che sappiano conservare la fede, senza lasciarsi travolgere dalle difficoltà, senza scoraggiarsi, senza spegnersi. Cristiani che vogliano andare a fondo alle questioni e trovare soluzioni alle proprie fatiche. Molti tirano i remi in barca, lo vedo. O cedono alla nostalgia di un cristianesimo di massa (è mai esistito?). Noi, più realisticamente, teniamo duro. Perché ci è stato dato tanto, tantissimo. Perché abbiamo conosciuto più luce di quanta siamo riusciti a donare e a custodire. Perché anche se lo sposo è assente, abbiamo partecipato al banchetto delle nozze dell’agnello e ne abbiamo goduto. Teniamo duro, con gioia.

3 Comments

  • Marelli Piergiorgio, 21 Ottobre 2020 @ 06:44 Reply

    Grazie Paolo Sempre in cammino

  • Laura Rovera, 21 Ottobre 2020 @ 08:03 Reply

    Veramente molto mi viene donato ogni giorno in abbondanza! Altrettanto mi vien chiesto di donare attorno a me e so che non riesco a ricambiare nella stessa misura. Ecco la mia povertà!

  • Luciana, 21 Ottobre 2020 @ 10:52 Reply

    Lo sposo, anche se non visibile ad occhi umani, è già in mezzo a noi…e , se siamo attenti ai molti segnali, lo possiamo chiaramente percepire…”Sono con voi tutti i giorni, fino alle fine del mondo ….”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Attesa

Scritto da  

Vegliate

Scritto da  

Vigilate

Scritto da  

Tenetevi pronti

Scritto da