Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Siamo servi inutili, abbiamo fatto ciò che dovevamo fare. 

Siamo servi inutili, eppure indispensabili, se restiamo servi. Chi ha conosciuto il Maestro è chiamato a diventare suo testimone, senza fanatismi, senza ansie: il mondo è già salvo, solo che non sa di esserlo e noi possiamo, nel quotidiano, vivere da persone salvate e le nostre comunità diventare in qualche modo succursali del Regno di Dio. Il Signore affida alle nostre fragili mani il compito di renderlo presente vivendo un’umanità in pienezza, affidata alla luminosa presenza del Signore. Siamo servi inutili, ma resi capaci di professare il Regno. Indegnamente, sempre.

Cosa “fare”, allora? Anzitutto dobbiamo “essere”: essere discepoli, essere pieni di fiducia, diventare una specie di spazio pubblicitario di Dio per il mondo. Essere, non apparire, non organizzare, non costruire sante barricate. Esserci: con un sorriso, con la pazienza, con il perdono. Esserci, tutto lì. Il Signore ci ricorda una cosa semplice: è lui che guida la barca, è lui che salva il mondo. E noi a corrergli dietro. Lui ama, lui salva, lui guarda, lui interviene. E noi a corrergli dietro. 

Siamo servi inutili.

Dovremmo ricordarcelo quando pensiamo di essere i pilastri della parrocchia, quando pensiamo che, in fondo, siamo rimasti gli ultimi a tenere duro. Siamo servi inutili, dovremmo ricordarcelo quando il mondo, memore del passato, ci riempie di onori e di attenzioni. Siamo servi inutili, anche quando in una comunità si discute animatamente per imporre la propria visione pastorale. Siamo servi inutili significa rimettere in ordine le cose, lasciare il primo posto a Dio, lasciare che sia lui colui che dirige la nostra vita e la Chiesa. A volte, invece, emerge in noi un pensiero fintamente santo, birichino: Dio ha fatto un affare ad averci fra i suoi, modestamente. Certo, non siamo i migliori, ma quanti sono peggio di noi! Quelli che non credono, che non frequentano, che non si fanno mai vedere, che si tirano indietro… Non è così. Siamo noi ad avere avuto l’immensa gioia di poter lavorare nella vigna del Signore, noi che abbiamo scoperto di potere annunciare il Vangelo, rendere presente il Regno…

 Animo e senso dell’ironia fratelli impegnati nell’apostolato, anche se ci fissiamo troppo sui risultati, ed è in parte inevitabile, non prendiamoci troppo sul serio e lasciamo che sia Lui, il Signore a guidare le nostre comunità con passione e pazienza.Siamo servi inutili, che il Signore vuole necessari, che il Signore rende figli, che il Signore chiama a collaborare al suo straordinario sogno.

VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Luca 17, 7-10

In quel tempo. Il Signore Gesù disse: «Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: “Vieni subito e mettiti a tavola”? Non gli dirà piuttosto: “Prepara da mangiare, strìngiti le vesti ai fianchi e sèrvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu”? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: “Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare”».

 

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *