Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Cristo Re dell’Universo

Ez 34,11-17/ 1Cor 15,20-28/ Mt 25,31-46

Cosa resterà?

 

Cosa resterà di questo tempo inquieto e dolente?

Cosa resterà di questa mia vita, fatta di sogni, di paure, di slanci e di frenate, di contraddizioni, di entusiasmi e sofferenza che si alternano, di desideri inespressi o irrealizzati, di delusioni e sconfitte?

Cosa resterà della mia ricerca di fede, a volte entusiasta e travolgente, più spesso lenta e abitudinaria?

Cosa rimane alla fine della vita? Della mia vita? Di ogni vita?

L’amore.

Solo l’amore.

Rimane quanto ho saputo amare. Quanto mi sono lasciato amare. Quanto ho desiderato amare.

Perché l’amore dirige il mondo, perché l’Amore lo ha creato e plasmato e lo fa fiorire.

Non i successi, i denari, i like rimangono ma l’amore che siamo riusciti a costruire nella concretezza del quotidiano.

L’amore accolto da Dio, l’amante. Donato al meglio delle nostre possibilità, non come sforzo, ma come effusione di un amore ricevuto.

Questo celebriamo in questa domenica che chiude l’anno liturgico e si avvia a concludere questo difficilissimo anno civile. Anno della prova, della verità, della manifestazione di quello che siamo e che siamo diventati.

E la Parola sfida, interpreta, scuote, consola, rapisce, illumina, indica, tormenta.

E lo fa in un modo inatteso, decisamente fuori moda.

Regalità

Leggendo il vangelo conclusivo di Matteo restiamo sconcertati ed interdetti.

Il clima è cupo, la visione di questo giudice implacabile come alcuni pittori ce l’hanno riportata, il possente Cristo di Michelangelo della cappella Sistina, ad esempio, fa paura. 

Cosa ha che vedere questa pagina con il resto del vangelo? Matteo si è sbagliato? O ci siamo sbagliati noi quando continuiamo a professare il volto di un Dio compassionevole?

I pastori, sul fare della sera, separavano le pecore dalle capre.

Le capre, senza il “cappotto” fornito da madre natura, pativano il freddo proveniente dal deserto ed andavano ricoverate in un posto più caldo, come una stalla o sotto una roccia.

Quest’immagine è lo sfondo del racconto di Gesù, una separazione che è una protezione, un’attenzione verso i soggetti deboli.

Il pastore accoglie le pecore che lo hanno riconosciuto nel volto del povero, del debole, del perseguitato. Era prassi comune nel mondo ebraico, ma ne troviamo traccia anche in altre culture!, valorizzare i gesti di compassione verso i deboli. 

Due sono le novità apportate dal vangelo di Matteo: Gesù lascia intendere che è lui che curiamo nel povero, identificandosi nell’uomo sconfitto. In secondo luogo questa identità è sconosciuta al discepolo che resta stupito nell’avere soccorso Dio senza saperlo.

Gesù si identifica nel povero.

E afferma che il gesto di carità scaturisce da un cuore compassionevole, non necessariamente dal cuore di un credente.

Il messaggio che Matteo ci rivolge è piuttosto chiaro: l’incontro con Dio cambia il tuo modo di vedere gli altri, riesci ad incontrarlo anche nel volto sfigurato del povero.

Gesù non parla di “buoni” poveri o di carcerati vittime di un errore giudiziario! 

Anche nel povero che ha sperperato tutto per colpa o nell’omicida (!) possiamo riconoscere un frammento della scintilla di Dio.

Siamo chiamati ad amare a prescindere perché amati a prescindere.

Ad amare nella concretezza del gesto: cibo, bevanda, coperta, visita, accoglienza, conforto.

 

Ripetizione

Gesù ripete la stessa idea, ma in negativo, questa volta.

Come era consuetudine per i rabbini, che sempre ribadivano il proprio insegnamento una volta in positivo e una volta in negativo. Per calcare la mano Gesù conclude che colui che non lo riconosce brucerà nel fuoco della Geenna.

Lasciate perdere le immagini orribili dell’inferno e il timore di Dio che non è paura del Padre ma paura di perdere il suo amore per nostra negligenza!

La Geenna è una delle valli che circonda Gerusalemme, mai abitata perché, secondo la storia, lì i Gebusei praticavano sacrifici umani prima della conquista della città da parte del re Davide. Al tempo di Gesù nella valle della Geenna si bruciavano le immondizie.

Se non sappiamo riconoscere il volto di Dio nel fratello siamo immondizia. 

Gettiamo via la nostra vita, la sprechiamo.

 

Quindi

Alla fine dei tempi, davanti al Cristo in maestà che succederà? 

Lo trovate scritto, leggete bene, e mettete da parte il taccuino su cui avete segnato puntigliosamente le ore di preghiera, le messe e le confessioni sopportate con cristiana rassegnazione e le eventuali giustificazioni da tirare fuori nel caso Dio fosse più esigente di quello che ci raccontavano. 

Il Signore ci chiederà se lo avremo riconosciuto, nel povero, nel debole, nell’affamato, nel solo, nell’anziano abbandonato, nel parente scomodo. Sì: avete capito bene. 

Il giudizio sarà tutto su ciò che avremo fatto. E sul cuore con cui lo avremo fatto. 

Saremo giudicati sull’amore, con amore.

La fede è concretezza, non parole, la preghiera contagia la vita, la cambia, non la anestetizza, la celebrazione continua nella città, non si esaurisce nel Tempio. 

Allora, certo, la preghiera, l’eucarestia, la confessione, sono strumenti di comunione col Cristo e tra di noi per fare della nostra vita il luogo della fede. 

Nel mio ufficio, alla mia facoltà, in casa a spadellare mi salverò. Se saprò portare la fede da dentro a fuori, da lontano a vicino, e riconoscere il volto del Cristo adorato nel volto del fratello che incontro ogni giorno, mi salverò. 

 

La regalità di Cristo, oggi, si manifesta nei nostri gesti. 

Cristo è Signore se sapremo sempre di più amare i fratelli, diventare trasparenza della misericordia, testimoni credibili della compassione. 

Cristo è re se, in questi tempi oscuri, sappiamo conservare la speranza, costruire ponti, indicare sentieri.

Cristo vince se l’amore trionfa. Anche nella mia vita.

 

 

Share:

9 Comments

  • Renata Da Pozzo, 19 Novembre 2020 @ 14:48 Reply

    Bellissimo il commento al Vangelo di quest’ultima domenica del T. O. Grazie Paolo per tutto ciò che ci doni.

  • P.Fausto Guerzoni op, 19 Novembre 2020 @ 16:46 Reply

    Scusami, prima scrivi:

    Due sono le novità apportate dal vangelo di Matteo: Gesù lascia intendere che è lui che curiamo nel povero, identificandosi nell’uomo sconfitto. In secondo luogo questa identità è sconosciuta al discepolo che resta stupito nell’avere soccorso Dio senza saperlo.

    Poi: Siamo chiamati ad amare a prescindere perché amati a prescindere.

    Poi aggiungi:

    Il Signore ci chiederà se lo avremo riconosciuto, nel povero….

    Se saprò….riconoscere il volto del Cristo adorato nel volto del fratello che incontro ogni giorno, mi salverò.   

    Il Giudizio, secondo me non sta nell’averlo riconosciuto o meno, ma il bene fatto è indipendente… è sempre bene indipendentemente da chi lo fa, il problema è l’hai fatto il bene o non l’hai fatto? E perché l’hai fatto!

    Propongo una lettura: “Alcuni si giustificheranno… dicendo: Noi avevamo un ristorante e abbiamo dato da mangiare, noi avevamo un bar e abbiamo dato da bere, noi avevamo un negozio di abbigliamento e abbiamo dato da vestire, noi lavoravamo all’ospedale e abbiamo curato…” secondo me il giudizio verterà sulla ricerca del “mio” bene egoistico (=guadagno/interesse/stipendio) o del bene dell’altro!

    Buona Domenica, ti leggo sempre volentieri. P.Fausto op

  • pasquale monacelli, 21 Novembre 2020 @ 09:24 Reply

    come sempre splendito commento,vai sempre all’essenziale con una chiarezza disarmante. Grazie.

  • Margherita, 22 Novembre 2020 @ 01:20 Reply

    Grazie, ci aiuta a vivere la quotidianità nel cerchio dell’ amore

  • Rita, 22 Novembre 2020 @ 06:59 Reply

    Evangelo di pace! Grazie infinite!

  • Maria Rosaria, 22 Novembre 2020 @ 13:51 Reply

    Meraviglioso il commento Paolo… Da leggere tutti i giorni.. Grazie

  • Vittoria Balistreri, 22 Novembre 2020 @ 20:52 Reply

    Da sottolineare :la concretezza nella nostra vita di fede. la preghiera che deve cambiare la vita non anestetizzarla ,le celebrazioni che devono non finire nel tempio,ma continuare fuori e condividere con i fratelli.

  • Emanuele, 22 Novembre 2020 @ 21:00 Reply

    Bellissimo commento, come sempre del resto; la parte positivo attrae, aggasxina, riempie il cuore ma….rimane la parte negativa, e anche quella descrive, purtroppo, Dio, in modo duro, nonostante il tuo tentativo di addolcirla. Le parole sono di un’estrema chiarezza: hai amato? Sì, allora mettiti a destra, non hai amato? A sinistra.
    “E se ne andranno questi al supplizio eterno, e i giusti alla vita eterna”. Non a casa, né settembre, al supplizio…eterno; nulla di peggio è immaginabile.
    Ricorda la scena dei campi di concentramento nazisti nei confronti degli ebrei, destra o sinistra, vivo o morto.
    Compassionevole forse sì allora, questo Dio, fino al giudizio, poi…destra o sinistra.

  • Paolo, 22 Novembre 2020 @ 22:09 Reply

    In questo stupenda pagina di Vanelo, Marco ci invita a riconoscere nel volto di ogni fratello, il volto di Gesù, più noi saremo capaci di amare il prossimo, aiutarlo e sostenerlo, più avremo la possibilità di essere vicino a Gesù, perché tutto quello che faremo ai nostri fratelli e come se lo facessimo a Gesù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare