Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 14 Novembre 2020 | Lc 18,1-8

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
«In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.
Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».
E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui?
Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».
Lc 18,1-8

Il figlio dell’uomo, quando verrà, troverà ancora la fede sulla terra? La domanda, come staffilata, giunge dopo la parabola del giudice iniquo che serve a Gesù per spiegare che se anche il mondo, rappresentato dal giudice, signora le richieste di giustizia dei cristiani oppressi, il Padre, invece, li ascolta e risponde loro prontamente. Come a dire: da parte di Dio non ci sono problemi, egli è vigila, sa, interviene, accoglie, ascolta. Ma da parte degli uomini? Da parte di noi credenti? Spesso le fatiche della vita e le angustie, la quotidianità e gli errori affievoliscono la fiamma della fede, fino quasi a spegnerla. Sapremo tenerla viva? Sapremo coltivarla in modo che bruci nella notte? La fede ci è stata donata ma è affar nostro tenerla accesa, è compito nostro fare in modo che non si spenga. Gesù si pone questa domanda con una punta di inquietudine; è in gioco la nostra libertà, non la sua azione. La nostra fede, non la sua. Non chiede: ci saranno ancora le parrocchie, le diocesi, i dicasteri romani? Solo la fede ci è necessaria. Allora rispondiamo, con verità: sì, Signore troverai ancora la fede sulla terra. La mia.

Share:

3 Comments

  • Antonio Viscido, 14 Novembre 2020 @ 07:03 Reply

    E’ fa poco che ti seguo.Trovo interessante le tue spiegazioni.Quando vado in Chiesa ci vado con più chiarezza interiore.

  • Biagia Greco, 14 Novembre 2020 @ 07:12 Reply

    Si Paolo il signore troverà la mia fede immensa che nel mio piccolo spero di contagiare a qualcuno, un abbraccio

  • Nadia, 14 Novembre 2020 @ 08:16 Reply

    Difficile mantenere viva la fede nel periodo che stiamo vivendo o per vergogna o perché siamo presi dal nostro quotidiano. Ma lo dobbiamo fare perché solo la fede ci salverà e ci aiuterà a superare tutte le avversità della vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

L’obolo

Scritto da  

Il Dio dei vivi!

Scritto da  

Cagnolini

Scritto da