Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 04 Gennaio 2021 | Gv 1,35-42

In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.
Gv 1,35-42

Giovanni Battista ha finalmente riconosciuto in Gesù l’Agnello di Dio. Ammette con umiltà e autenticità di non conoscerlo, fino a quel momento. Possiamo seguire Cristo, preparargli la strada, annunciarlo e non conoscerlo fino in fondo. E lo indica ai suoi discepoli, forse Andrea e Giovanni evangelista. Non li lega a sé, non fa il guru carismatico, non coltiva il proprio ego. Li spinge ad uscire, ad osare. E Gesù, voltandosi, invece, di rallegrarsi – sono pur sempre i  primi discepoli! – li raggela: chi cercate? La prima parola pronunciata da Gesù in Giovanni è un invito all’introspezione, a cercare in noi stessi la ragione del nostre essere cristiani. Perché seguiamo Gesù? Ci rassicura? Ci incoraggia? Ci protegge? Il Signore, sempre, chiede autenticità, non vuole discepoli ad ogni costo. Vuole persone autentiche consapevoli delle ragioni del proprio cammino. E invita: venite e vedrete. Andiamo anche noi, oggi, a vedere dove dimora Dio.

 

2 Comments

  • Emanuela Tezzon, 3 Gennaio 2021 @ 22:38 Reply

    Onestamente non so perché amo Gesù, mi piacerebbe tutto di lui…non so se mi spiego, esempio: non so perché mi sono innamorata di mio marito, semplicemente mi sono innamorata( di tutto il pacco), lo stesso è con Gesù, amo la sua dolcezza, la sua fermezza e poi mi piace tanto quando manda all’aria il tempio…mi ci riconosco quando perdo la pazienza…. Lo amo xche mi sento amata e l’amore genera amore! Magari non proprio sempre….🤔

  • Anna, 4 Gennaio 2021 @ 08:51 Reply

    Discreto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Venite 

Scritto da  

Se riesce

Scritto da  

Compassione

Scritto da  

Vicinanza

Scritto da