Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2021 | Lc 10,1-9

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».
Lc 10,1-9

Ieri abbiamo celebrato la conversione di Paolo, oggi la santità di due discepoli: Timoteo e Tito. Il primo, grande collaboratore, fu vescovo di Efeso e destinatario di due preziose lettere, il secondo, vescovo di Creta è destinatario di una lettera del suo evangelizzatore. È bellissimo fare memoria di uomini segnati dallo Spirito e che hanno segnato profondamente la diffusione del Vangelo. Ancora oggi, leggendo e meditando le lettere a loro destinate, sentiamo la forza della Parola raggiungerci e intravvediamo la vivacità, la passione, l’energia spirituale delle nascenti comunità cristiane. Il nostro cammino di fede, la nostra conversione, la vita bella del Vangelo che cerchiamo di vivere, come il percorso interiore di Paolo per Timoteo e Tito, diventano seme per futuri cristiani. Facciamo parte di una lunga storia d’amore che ci raggiunge scavalcando il tempo e che possiamo contribuire a prolungare. Amando.

2 Comments

  • Giovanni, 26 Gennaio 2021 @ 11:31 Reply

    E amando amando, a due a due, noi sposi dobbiamo prendere coscienza del compito a cui il Signore ci ha chiamato per prolungare e promulgare il suo eterno amore per il suo popolo.

  • Maria Cristina Ceci, 26 Gennaio 2021 @ 11:45 Reply

    Che belle le tue parole! Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Figli

Scritto da  

Impuro

Scritto da  

Brucia

Scritto da  

Passa

Scritto da