Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 27 Febbraio 2021 | Mt 5,43-48


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Mt 5,43-48

Se amate quelli che vi amano che cosa fare di straordinario? Ogni volta che inciampo in questa Parola non so se ridere, danzare o scuotere la testa. Eccomi messo all’angolo, ecco smontate tutte le mie presunte qualità cristiane, ecco smascherata la mia pochezza. Hai ragione Signore: mi professo tuo discepolo, ti amo, ti seguo, desidero con tutto il mio cuore vivere il tuo Vangelo. Eppure, come tutti, finisco col salutare quanti mi salutano e amare quanti mi amano… Se l’incontro con il Signore non segna, almeno un poco!, la nostra vita, cosa serve essere cristiani? Dove ci conduce? In cosa consiste la differenza cristiana? Ci troviamo fra parrocchiani, o, meglio, fra i parrocchiani con cui andiamo maggiormente d’accordo, e pensiamo di essere, se non meglio, non peggio di quelli che, fuori dalle mura della parrocchia, non credono. Macché, il Signore, sorridendo, alza l’asticella. Sono chiamato ad amare come lui mi ama: tutti. E senza misura.

 

Share:

2 Comments

  • Elisa, 27 Febbraio 2021 @ 08:33 Reply

    Questa parola mi fa venire in mente che sono chiamata a non cedere all’impulso di farmi guidare solo dalla mia affinità con l’altro, dalle mie simpatie o antipatie, come istintivamente mi viene da fare. Il Signore vuole che possa avere uno sguardo più profondo, che guarda la verità profonda dell’altro e che quindi lo ama, anche se apparentemente senza alcun merito. Lo stesso sguardo che Lui ha per me:una decisa e profonda conversione!
    Buona quaresima

  • Laura Rovera, 27 Febbraio 2021 @ 10:13 Reply

    Hai ragione! Terribilmente ragione…
    Ogni volta tocco con mano quanto
    sia profonda la mia debolezza…

  • Maria Cristina Ceci, 27 Febbraio 2021 @ 11:33 Reply

    Si è terribilmente vero. Purtroppo sono così. Grazie Paolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare