Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 09 Aprile 2021 | Gv 21,1-14

In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla.
Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri.
Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si spezzò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti.

Gv 21,1-14

Sono tornati a pescare sul lago di Tiberiade. L’ultima volta erano stati chiamati da quel nazareno perdigiorno che aveva chiesto loro si lasciare tutto. E lo avevano fatto. Quante cose erano accadute da quel giorno! Quanta gioia! Quanta speranza! E quanto dolore nei giorni drammatici di Gerusalemme! Ma le cose, ora, erano cambiate: le donne avevano detto che egli era vivo e di precederlo in Galilea. Solo uno di loro sembra essere indurito, assente: Pietro. Il tradimento lo ha devastato ed è come se la resurrezione non lo riguardasse. Torna a pescare, come a chiudere una parentesi di illusione. E, come accade, alla disgrazia si aggiunge la beffa; non pescano nulla. Ma il Signore lo aspetta, sempre ci aspetta alla fine delle nostre notti. Ci aspetta per chiedere di fidarci, di riprendere il largo, di gettare le reti. Ci aspetta per farci uscire dalle nostre paure, dai nostri fallimenti. Sappiamo che è presente, anche se non abbiamo il coraggio di chiedergli “chi sei?” perché sappiamo bene che è il Signore.

3 Comments

  • Tina Fiorino, 9 Aprile 2021 @ 12:51 Reply

    Ciao….
    Signore, davanti al fallimento, spesso cadiamo nella depressione più cupa e cerchiamo rifugio nel “nascondimento” della nostra povera quotidianità. Anche Gesù ci ha deluso….niente và come ci aspettavamo…Lui sembra non esserci più….e allora…stop!!
    Signore, il rischio è proprio questo… adagiarsi, tornare indietro a una vita senza senso! Non riconoscerti più…avere una vita come quelle reti…Vuota!
    In questi momenti bisogna fidarsi…accettare il tuo invito. Mi ami a tal punto che non mi rinfacci nulla, ma mi inviti a riprovare…
    E poi è importante che ci sia sempre qualcuno che Ti indichi… “è il Signore!”…. Non farci mai mancare queste persone che, nei periodi più bui della notte, ci sappiano indicare Te, ci sappiano aprire gli occhi e il cuore per riconoscere Te!
    Signore, Tu, anche dalla riva, con la Parola mi dai le indicazioni che danno pienezza alla mia vita!
    Signore non ti stanchi di aspettarmi e mi curi… mi nutri con il tuo amore.
    Grazie, Signore!!
    Signore, aiutaci a non scoraggiarci davanti alle difficoltà, ma aiutaci proprio in quei momenti ad alimentare la nostra fede.
    A seguire la Chiesa che ci indica Te e la nostra risposta sia pronta e gioiosa…
    Grazie..?

  • Lucia Bosio, 9 Aprile 2021 @ 15:03 Reply

    Sempre sul pezzo il nostro caro Paolo! Grazie

  • Lucja, 10 Aprile 2021 @ 00:51 Reply

    Grazie!❤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare