Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 15 Luglio 2021 | Mt 11,28-30

In quel tempo, Gesù disse:
«Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro.
Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».
Mt 11,28-30

Sì, Signore, siamo stanchi. Stanchi della stortura di questo mondo, stanco dell’essere umano che non impara, stanchi dell’ingiustizia e della violenza che a volte contribuiamo a far crescere… Stanchi anche dei lati oscuri del nostro carattere, e della nostra incoerenza, e del nostro vittimismo. E oppressi, certo. Dalla situazione che stenta ad evolversi, da rapporti famigliari tossici, dai nostri sensi di colpa, dai giri di testa… Stanchi e oppressi anche se, ad essere sinceri, non abbiamo veramente di che lamentarci. Guardando le tante vittime della guerra, i profughi, coloro che fuggono e sfidano la morte perché oppressi da regimi dittatoriali. E tu, ancora una volta, ci dici: venite e me. Tu sei il nostro riposo, tu sei la nostra liberazione, tu sei la nostra speranza. Ma non ti carichiamo delle cose che possiamo fare noi, no, non sarebbe giusto. Riposati e liberi, grazie a te, cambieremo il mondo. A partire da oggi. A partire da me.

4 Comments

  • Milena, 15 Luglio 2021 @ 09:29 Reply

    Sono in vacanza e ho notato un velo di tristezza nella nostra maitre di sala, quando invece solitamente il suo sguardo è gioioso e gentile. Le ho chiesto il motivo e con una stretta al cuore mi ha risposto che è preoccupato e rattristata per le condizioni in cui vive il suo popolo (lei è di Cuba) poiché non ha cibo né medicine; avrebbe voluto unirsi alla protesta in corso…

  • lucia marocco, 15 Luglio 2021 @ 11:26 Reply

    questa parola oggi mi colpisce in modo particolare…..e la voglio accogliere nel cuore, senza riserva e con amore. E’ vero Signore, sono stanca e mi sembra che nulla si risolva e che i problemi anzi crescano. Ma so che tu sei con me e che non mi lasci mai….

  • Daniela Bevilacqua, 17 Luglio 2021 @ 00:19 Reply

    Sono anch’io stanca, molto. Il Signore ha dato a mio marito una croce pesante da portare: la nevrosi da scrupoli religiosi. E io la porto con lui, non sempre con tolleranza. Mi sono anche allontanata da Dio per 30 anni perché non potevo pensare a una fede così e solo lealista,, autoreferenziale, incapace di amare.Poi il Signore mi ha aiutato a capire che è una malattia…Ma perché? Harovinato me e i miei figli. Siamo tutti seguiti da psichiatri. Prego con uno dei miei figli,tanto. L’ altro disprezza tutto ciò che ha a che fare con la religione ma è molto più cristiano del padre.
    Perché?

  • Maria Cristina Ceci, 23 Luglio 2021 @ 00:19 Reply

    Si è vero Paolo quando tu dici che siamo stanchi, oppressi e insoddisfatti e non ci voltiamo mai indietro per guardare chi sta peggio di noi . Ci intossichiamo con i nostri giri di testa, ripiegati su noi stessi e tante volte sui nostri falsi problemi.Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Edith

Scritto da  

Tasse 

Scritto da  

Metamorfosi

Scritto da  

Croce

Scritto da