Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 24 Luglio 2021 | Mt 13,24-30

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo:
«Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania.
Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: “Signore, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene la zizzania?”. Ed egli rispose loro: “Un nemico ha fatto questo!”.
E i servi gli dissero: “Vuoi che andiamo a raccoglierla?”. “No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Raccogliete prima la zizzania e legatela in fasci per bruciarla; il grano invece riponetelo nel mio granaio”».

Mt 13,24-30

Vorremmo una fede solare, lineare, fatta solo di luci. Invece, spesso, dobbiamo ammettere che, nonostante il cammino di fede, nonostante tutta la nostra buona volontà, in certi momenti in noi prevale la zizzania. Perché accade questo? È un problema che già si poneva la primitiva comunità cristiana di Matteo che si chiedeva per quale ragione, nonostante il mondo fosse seminato col seme buono della Parola, spesso la zizzania cresceva indisturbata… La risposta del Signore è quella che non ci piacciono: occorre avere pazienza. Ma proprio tanta. Per non correre il rischio di strappare le spighe di buon grano mentre sta crescendo accanto alla zizzania… Lasciamo fare a Dio il suo mestiere, preoccupiamoci, piuttosto, di innaffiare il buon grano senza infastidirci se, accanto, sta crescendo la zizzania. E rallegriamoci perché, nonostante l’apparenza, nella pienezza dei tempi sarà Dio ad avere l’ultima parola. E sarà una parola di salvezza.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare