Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo dell’ 08 Settembre 2021 | Mt 1,1-16.18-23

Genealogia di Gesù Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo.
Abramo generò Isacco, Isacco generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuda e i suoi fratelli, Giuda generò Fares e Zara da Tamar, Fares generò Esrom, Esrom generò Aram, Aram generò Aminadàb, Aminadàb generò Naassòn, Naassòn generò Salmon, Salmon generò Booz da Racab, Booz generò Obed da Rut, Obed generò Iesse, Iesse generò il re Davide.
Davide generò Salomone da quella che era stata la moglie di Urìa, Salomone generò Roboamo, Roboamo generò Abìa, Abìa generò Asaf, Asaf generò Giosafat, Giosafat generò Ioram, Ioram generò Ozìa, Ozìa generò Ioatàm, Ioatàm generò Acaz, Acaz generò Ezechìa, Ezechìa generò Manasse, Manasse generò Amos, Amos generò Giosìa, Giosìa generò Ieconìa e i suoi fratelli, al tempo della deportazione in Babilonia.
Dopo la deportazione in Babilonia, Ieconìa generò Salatièl, Salatièl generò Zorobabele, Zorobabele generò Abiùd, Abiùd generò Eliachìm, Eliachìm generò Azor, Azor generò Sadoc, Sadoc generò Achim, Achim generò Eliùd, Eliùd generò Eleàzar, Eleàzar generò Mattan, Mattan generò Giacobbe, Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa Dio con noi.
Mt 1,1-16.18-23

Oggi celebriamo la festa della nascita di Maria o, potremmo dire, il compleanno di Maria. In realtà è una data simbolica: non abbiamo la più pallida idea di quale sia il giorno esatto della nascita della Madre ma è un gesto di tenera devozione per indicare la sua importanza in questa storia di salvezza che stiamo vivendo. Se Matteo, di cui abbiamo proclamato il vangelo oggi, è maggiormente attento alla versione dei fatti da parte di Giuseppe, non sfugge il fatto che la lunga e più che simbolica genealogia dei suoi avi, tutti declinati al maschile, termina col nome di una coppia, Maria e Giuseppe. La fede non è più una questione di maschi e di padri ma di coppia, di sensibilità diverse, di prospettive alternative, di cammini paralleli. Non temiamo di prendere con noi Maria, madre e prima fra i discepoli, che ci insegna a fare tutto quello che lo il Figlio, lo Sposo, dice ai nostri cuori…

 

Share:

2 Comments

  • Gian, 8 Settembre 2021 @ 08:06 Reply

    Mi piacerebbe tanto rovesciare la storia e dare risalto a questa ricorrenza leggendo la genealogia di Maria. Chi sono come si chiamavano gli antenati di Anna e Gioacchino. Che bello sarebbe scoprire chi ha permesso tutto ciò, chi ha partecipato a costruire la casa , la dimora di Gesù.

  • Maria Antonietta Ciurlia, 9 Settembre 2021 @ 16:34 Reply

    Maria madre prediletta ascolta la voce di Dio e dona il proprio figlio per la salvezza. Il suo insegnamento è basato sulla conversione del cuore arido di buoni propositi . Maria utilizza la preghiera piena di grazia verso le difficoltà della vita promuovendo così la sensibilità del cuore nel cammino della vita inteso dal padre parallelo a quello del figlio da Lei generato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare