Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 22 Settembre 2021 | Lc 9,1-6

In quel tempo, Gesù convocò i Dodici e diede loro forza e potere su tutti i demòni e di guarire le malattie. E li mandò ad annunciare il regno di Dio e a guarire gli infermi.
Disse loro: «Non prendete nulla per il viaggio, né bastone, né sacca, né pane, né denaro, e non portatevi due tuniche. In qualunque casa entriate, rimanete là, e di là poi ripartite. Quanto a coloro che non vi accolgono, uscite dalla loro città e scuotete la polvere dai vostri piedi come testimonianza contro di loro».
Allora essi uscirono e giravano di villaggio in villaggio, ovunque annunciando la buona notizia e operando guarigioni.
Lc 9,1-6

Siamo chiamati ad annunciare il Vangelo, a viverlo, a vivere da salvati, da guariti. Siamo chiamati a farlo con semplicità, senza preoccuparci troppo degli aspetti organizzativi, senza l’ossessione delle procedure, dei controlli, dei protocolli. Siamo chiamati a farlo come siamo, per quello che siamo, lasciando trasparire in noi tutto l’amore che abbiamo ricevuto e che siamo diventati capaci di dare. Richiede forza tutto questo. E costanza. E fede. E sappiamo bene quanto siamo fragili, incostanti, incapaci, lunatici, sprovveduti, infantili. Lo sa bene, il Maestro. Allora, scrive Luca, dona ai discepoli anche la benzina per il viaggio, la forza che ci permette di parlare con sovrabbondanza di gioia, non con calcolato mestiere. La forza che è il dono dello Spirito, la presenza stessa di Dio, la fiamma che scuote, illumina, divampa, consuma. Non dobbiamo sforzarci ma accogliere e lasciar agire in noi la forza.

Share:

2 Comments

  • Silvia Battini, 21 Settembre 2021 @ 23:31 Reply

    Ci provo…

  • Rita Dei Rossi, 22 Settembre 2021 @ 12:24 Reply

    Che gioia trovarti ora, così, ogni giorno….Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare