Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

VANGELO
Lettura del Vangelo secondo Giovanni 6, 41-51

In quel tempo. I Giudei si misero a mormorare contro il Signore Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è
forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».
Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il
Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia. Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

Pane che sazia
Gesù, dopo avere moltiplicato il pane, resta turbato dalla reazione della
folla che lo vuole fare re. Col suo gesto egli voleva invitare i discepoli a
mettersi in gioco, a dare del proprio di fronte ai problemi; la gente ha
capito, al contrario, che Dio avrebbe definitivamente risolto le loro
difficoltà.
Il Maestro inizia un discorso amaro e crudo in cui accusa la gente di cercarlo
perché sazi, non perché affamati di verità…

Incomprensioni
Gesù pretende di essere l’unico in grado di saziare la nostra fame del cuore,
fame che non può essere saziata dal fare ma dal credere che Gesù è l’inviato
dal Padre. Discorso sempre più impegnativo, quello che si svolge tra la folla
sfamata ed ex-entusiasta del Rabbì di Nazareth; discorso che però può mettere
in discussione il nostro credere e permetterci di dedicare qualche tempo della
nostra vacanza al “dentro”.
La gente è perplessa: va bene un Maestro che fugge la notorietà, che è
scocciato perché la folla non ha capito il miracolo ma vuole solo avere la
pancia piena (come biasimarli?), va bene una ricerca di un’altra sazietà non
basata sul fare ma sul credere, va bene non chiedere segni, ma questo chi si
crede di essere?
Lui capace di riempire i nostri cuori? Il falegname di Nazareth? Il figlio del
bravo Giuseppe? Questo è davvero eccessivo!
Fa amaramente sorridere, ma Gesù viene accusato di essere poco “religioso”,
poco carismatico, poco messianico. Tutti abbiamo un’idea di Dio: un Dio
potente, glorioso, muscoloso, interventista. Gesù il Nazareno, invece,
sconcerta per la sua normalità, è banale nel suo apparire.
Così è Dio, sempre diverso da come ce lo aspetteremmo.
Vogliamo i miracoli, ed egli si nasconde nella quotidianità, chiediamo di non
soffrire, ed egli soffre con noi, lo accusiamo del dolore dell’innocente, ed
egli ci chiede di sollevarlo, quel dolore.

Chiamati dal Padre
La gente mormora, pone obiezioni, resta interdetta.
Gesù chiede di non mormorare ma di mettersi in discussione.
Succede anche a noi, anche nella fede, si rischia di interpretare Dio, di
mettere in dubbio, di non fidarci. Ci comportiamo come dei bambini obiettando a Dio che quello che ci chiede è difficile e rischioso..
Se Gesù ha ragione – questo è il problema – allora davvero devo arrendermi
all’evidenza: solo lui può colmare il mio cuore, solo lui e null’altro, quindi
è meglio che mi svegli e la smetta di mettere acqua in cisterne screpolate…
Gesù dice che possiamo andare a lui solo se attirati dal Padre.

Èun’esperienza comune a molti: quando sentiamo dentro il desiderio di Assoluto e, dopo avere cercato, ci apriamo alla meraviglia di Dio, ci rendiamo conto che è proprio lui, Dio ad avere sedotto il nostro cuore, ad avere suscitato il desiderio di cercarlo.

Quale Dio?
Gesù è tranciante: nessuno ha visto Dio, solo lui.
Il Dio in cui credo, che Dio è? Il Dio di Gesù o un Dio che più o meno mi
hanno insegnato e che non ho mai preso la briga di verificare per pigrizia?
Dopo duemila anni, francamente, sono più le persone che incontro e che hanno
una idea approssimativa di Dio che gente che davvero ha conosciuto il Dio di
Gesù. Gesù parla di Dio con verità perché lui è la presenza stessa di Dio,
perché lui e il Padre sono una cosa sola, fidiamoci, allora, bazzichiamo –
finalmente! – il Vangelo per conoscere il Dio del Signore e Maestro Gesù.

Vita
Gesù ci dice che chi crede ha la vita eterna.
Ha la vita eterna, non “avrà”. La vita eterna, cioè, non è una specie di
liquidazione che accumulo con i miei meriti e di cui potrò godere alla fine
della mia vita. La vita eterna è già cominciata, credere significa acquisire
uno sguardo nuovo su me, sulle cose, sugli altri, sulla storia.
Gesù non vuole la nostra frustrazione, né ci impone una religiosità ombrosa o
reazionaria. Gesù offre una vita diversa, vera, giusta, piena di bagliori di
luce, solo bisogna fidarsi, far tacere le ultime mormorazioni e obiezioni e
arrendersi.

Diventare persone nuove, persone che imitano Gesù, che scelgono radicalmente il dono di sé nell’equilibrio e nella gioia. In questo percorso da luce a luce Dio ci dona un cibo per sostenerci, un pane del cammino.
Un pane del cammino simile a quello di Elia, travolto dalla violenza nei suoi
confronti, dalla rabbia della regina Gezabele, dalle sue scelte che ora sente
sbagliate. Vuole morire, Elia, e Dio lo incoraggia e lo nutre: con quel pane
attraverserà il deserto della vita per arrivare al monte di Dio, l’Oreb.
L’eucarestia che celebriamo ogni domenica è questo pane del cammino che ci
aiuta ad attraversare il deserto, che ci aiuta a superare lo scoraggiamento,
che ci sazia il cuore. Anche qui, però, occorre conversione, fidarsi, crederci,
celebrare.
Diventino incontro le nostre messe, diventino gioia e preghiera, diventino
stazioni di servizio sulla strada verso il regno!
 

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare