Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 15 Ottobre 2021 | Lc 12,1-7

In quel tempo, si erano radunate migliaia di persone, al punto che si calpestavano a vicenda, e Gesù cominciò a dire anzitutto ai suoi discepoli:
«Guardatevi bene dal lievito dei farisei, che è l’ipocrisia. Non c’è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto. Quindi ciò che avrete detto nelle tenebre sarà udito in piena luce, e ciò che avrete detto all’orecchio nelle stanze più interne sarà annunciato dalle terrazze.
Dico a voi, amici miei: non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo e dopo questo non possono fare più nulla. Vi mostrerò invece di chi dovete aver paura: temete colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geènna. Sì, ve lo dico, temete costui.
Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio. Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate paura: valete più di molti passeri!».

Lc 12,1-7

I farisei e i dottori della Legge gliel’hanno giurata a morte. La folla fa ressa per ascoltare questo rabbino alternativo, libero ma non rabbioso, autentico e compassionevole, che conosce Dio come nessun altro e lo dona e lo racconta. Non cerca discepoli, non va a stanarli, non lucida il suo ego. E incoraggia i presenti a prendere in mano la propria vita interiore, a non delegarla, a non farsi caricare di pesi insopportabili impossibili da portare. A non temere la reazione violenta degli oppositori, a non avere paura della persecuzione. Mentre leggono queste parole i discepoli di Luca non possono che pensare alla crescente opposizione alla loro fede che, dopo avere toccato i fratelli giudei, ora sta percuotendo l’Asia minore. E Gesù incoraggia i presenti, osteggiati dai farisei, i futuri discepoli, perseguitati, e noi, ad avere fiducia. Dio sa, Dio mi conosce, Dio mi ama. Il Dio che non si dimentica dei passeri, che mi conosce più di quanto io stesso possa conoscermi, sa.

Share:

5 Comments

  • Maria Cristina ceci, 14 Ottobre 2021 @ 22:51 Reply

    Che belle le tue parole! Grazie!

  • Rita Dei Rossi, 15 Ottobre 2021 @ 06:43 Reply

    In questo momento di tante incertezze il cuore si apre alla Parola, “al Dio che non dimentica i passeri,che SA.” Grazie di cuore.

  • Lucia, 15 Ottobre 2021 @ 07:19 Reply

    Buongiorno Don Paolo, perché più leggo la Parola, più la cerco e più mi confonde?

  • Umberto Tixi, 15 Ottobre 2021 @ 10:14 Reply

    Il tuo commento quotidiano riesce sempre ad illuminare e dare gioia per vivere la giornata con la certezza di avere il Signore a fianco ….grazie di cuore Umberto da Genova

  • Laura Rovera, 15 Ottobre 2021 @ 10:36 Reply

    Ho pregato, questa notte, per un problema molto grande che ho in famiglia (Tu sai, Paolo…). E la Parola di oggi mi consola. Si, Dio sa!
    Si prende a cuore la situazione, perché a lui sta a cuore quanto e più che a me. Grazie Paolino per questo tuo servizio! Ti benedico
    Laura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare