Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Trentunesima domenica durante l’anno

Dt 6,2-6/Eb 7,23-28/Mc 12,28-34

Sappiti amato

 

È saggio, lo scriba, e rispettoso.

Riconosce in Gesù un rabbì. Chiede consiglio. Aspetta una risposta.

Non tende trappole, non litiga, non baruffa.

Non fa come i tanti che hanno cercato in tutti i modi di bloccare il falegname che si è preso per profeta. Non vuole fare sfoggio di cultura.

Non si barrica dietro al ruolo, dietro alla sua conoscenza. È uno scriba, sa leggere e scrivere e, soprattutto, sa interpretare le Scritture secondo le mille sfumature dei rabbini del passato e contemporanei. Potrebbe giocare con questo paesano del Nord, con questo provincialotto improvvisatosi rabbino. Non lo fa.

Va oltre. 

Non è sufficiente avere studiato tanto per conoscere Dio. Non basta sfoggiare titoli infiniti per essere creduti. Credenti credibili.

Lo scriba riconosce in Gesù una Presenza, un carisma, una verità che va oltre gli schemi, le convenzioni religiose, i pregiudizi (anche quelli santi).

E tutto ciò avviene a Gerusalemme, durante l’ultima, tragica, settimana di vita del Signore.

Almeno qualche gioia…

Comandamenti

Sono tanti i comandamenti, troppi.

Come se moltiplicando le norme, i precetti, le regole, potessi aumentare la santità.

Come se il problema fosse tenere al guinzaglio le persone. O Dio.

Forse, onestamente, i precetti ci servono per fare la spunta a fine giornata, per far notare a Dio che, modestamente, buona parte li abbiamo osservati. E che se non siamo buoni cristiani (mi fa venire le bolle questa affermazione!), almeno non siamo pessimi cristiani, come i tanti intorno a noi. Se non meglio almeno non peggio. Insomma tanta premura nel dare giudizi, nello stabilire, definire non è una preoccupazione di Dio, ma nostra. Mia.

Dio ha dato delle indicazioni per la felicità. Certo.

Una siepe che affianca la strada che porta alla felicità, come scrivono i rabbini.

Ma non un’imposizione, non una regola da subire con malcelato fastidio.

La norma è la forma dell’amore. È l’abito del bene. È l’allenamento del buono e del bello.

Allora sì, mi fido, seguo le indicazioni.

Ma senza entrare nel dettaglio. Senza descrivere quanto lungo deve essere un passo, con che inclinazione alzare il piede, che suola avere…

 

Al tempo di Gesù, invece, si era entrati nel dettaglio, si erano confusi i piani. Quasi come se fosse più importante la lunghezza del laccio delle scarpe piuttosto della consapevolezza del cammino da fare.

Allora, certo, districarsi in una selva di oltre seicento norme era essenziale.

E lo scriba, che sa, che conosce, ammette di non sapere, di non conoscere.

Magnifico. Ha studiato tanto e, finalmente ha capito di non capire.

Perché la conoscenza nutre e amplifica la curiosità e il dubbio, non ingessa la realtà.

Ama

La risposta di Gesù è quella data da altri famosi rabbini suoi contemporanei.

Come riassumere tutti i comandamenti in uno solo?

Fatti amare da Dio che ti ama.

Amalo al meglio delle tue capacità, con forza, impegno, intelligenza.

Ama te stesso perché ti vedi come Dio già ti vede.

Ama il tuo prossimo con l’amore divino che trabocca dal tuo cuore.

Ama.

Non di quell’amore mieloso e appiccicoso che oggi ci vendono. Non di un amore narcisista e vittimista che sta facendo sprofondare il nostro occidente. Non di un amore idolatrico che ama solo per essere riamato. Ama e basta.

Come fa Dio.

Allora ogni scelta, ogni percorso, darà volto a questo amore.

E il cammino che faticosamente stiamo iniziando, un cammino sinodale che vorrebbe scuotere e incoraggiare, semplificare e rianimare, potrebbe avere nel cuore e nello sguardo questa semplice verità: Dio ha a che fare con l’amore.

E raccontarlo (a volte anche con le parole) ai tanti smarriti che abitano le nostre città.

Sappiti amato, a prescindere. Lasciati amare. Scegli di amare.

Sappiti amato, senza condizioni: perciò puoi cambiare e volare, libero, sopra le piccinerie della vita.

Felice

È felice lo scriba. Era tutto così semplice.

Ammirato dal rabbì. Si sente sollevato da quella risposta, preoccupato da quella selva di comandamenti, da quel giudizio continuamente in agguato. Pieno di scrupoli e sensi di colpa, la vera tentazione per ogni credente, viene liberato da un peso.

Si illumina. Gesù ha parlato con verità. Amare vale più di tutti i riti, le regole, le organizzazioni, i culti che possiamo fare. Più dei fioretti e dei sacrifici, più di tutto.

Poi, certo, sarebbe bello se la preghiera fosse espressione di un innamoramento.

Così le scelte che costano fatica ma che si fanno leggere quando si ama.

 

Gesù sorride.

C’è stima reciproca. Ha risposto saggiamente lo scriba.

Sanno, il Maestro e lo scriba, di essere orientati nella direzione.

Non sei lontano dal Regno di Dio.

 

Non siamo lontani dal Regno di Dio quando ci interroghiamo, e interroghiamo. Quando cerchiamo la verità, quando cerchiamo l’amore.

No, non c’è bisogno di porre altre domande.

È tutto così magnificamente chiaro.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare