Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Vangelo
Lettura del Vangelo secondo Luca 7, 18-28
 
In quel tempo. Giovanni fu informato dai suoi discepoli di tutte queste cose.
Chiamati quindi due di loro, Giovanni li mandò a dire al Signore: «Sei tu colui
che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Venuti da lui, quegli uomini
dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: “Sei tu
colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”». In quello stesso
momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò
la vista a molti ciechi. Poi diede loro questa risposta: «Andate e riferite a
Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi
camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai
poveri è annunciata la buona notizia. E beato è colui che non trova in me
motivo di scandalo!».
Quando gli inviati di Giovanni furono partiti, Gesù si mise a parlare di
Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna
sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con
abiti di lusso? Ecco, quelli che portano vesti sontuose e vivono nel lusso
stanno nei palazzi dei re. Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta?
Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto:
“Ecco, dinanzi a te mando il mio messaggero, / davanti a te egli preparerà la
tua via”.
Io vi dico: fra i nati da donna non vi è alcuno più grande di Giovanni, ma il
più piccolo nel regno di Dio è più grande di lui».

 
È talmente diverso, Dio, da ciò che immaginiamo, talmente destabilizzante la
sua presenza, originale, inattesa, che anche un profeta come Giovanni resta
spiazzato.
Giovanni nasce e cresce con un’unica missione: preparare la strada al Messia,
annunciare la sua venuta, scuotere Israele perché non perda questa ultima,
definitiva chiamata.
E invece. Gesù contraddice l’idea di Messia che anche Giovanni si è fatta: non
viene per tagliare l’albero, né per gettare nel fuoco la pula, né per dividere
i buoni dai cattivi.
Un malconcio Battista, dalle carceri di Macheronte, manda un proprio discepolo
a chiedere a Gesù: sei veramente tu?
Anche noi, spesso, siamo colti da questo dubbio: è davvero Gesù colui che ci
salverà o dobbiamo aspettarne un altro?
La risposta di Gesù è un invito alla fede, a spalancare lo sguardo interiore,
a riconoscere i segni della presenza di Dio nella sua vita.
Dio non è mai evidente, amici, non è mai palese, non è mai come lo vorremmo.
E solo se sappiamo aprire il nostro sguardo lo possiamo riconoscere.
Animo, cercatori di Dio, che aspettate la salvezza, non dobbiamo aspettare
nessun altro Messia, solo riconoscerlo nell’oggi che ci è donato.
 
Gesù poi commenta l’apostolato di Giovanni Battista, destinato ad essere
ucciso dai capricci di una concubina e dall’ignavia di un re-fantoccio e dice:
il Regno soffre violenza e i violenti se ne impadroniscono.
La storia ce lo insegna: coloro che vivono con verità al ricerca di Dio, nella
mitezza e nella pace, subiscono violenza e persecuzione. Anche noi, nel nostro
mondo civilizzato, corriamo il rischio di essere soggetti a prese in giro e a
giudizi impietosi per il fatto di essere persona in ricerca. Ma, aggiunge Gesù,
occorre violenza per impadronirsi del Regno, occorre tenere duro, faticare con
la parte oscura di sé, avere il coraggio della conversione.
Credere comporta una fatica, una concentrazione, una scelta da operare
continuamente.
I profeti ci aiutano a vedere ciò che ancora non c’è, a dare
un’interpretazione agli eventi e alla storia che sfugge alla ragione.
Come diceva san Paolo: noi fissiamo lo sguardo sulle cose invisibili, perché
restano.
In questa giornata guardiamo oltre, guardiamo l’altrove per dare una lettura
diversa a ciò che accade.
 

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare