Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021 | Mt 8,5-11

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò».
Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa». Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

Mt 8,5-11

Verrò e lo guarirò. Poco importa che la richiesta sia fatta da un gojim, un pagano, uno straniero. Poco importa che a chiederlo sia un centurione romano, ufficiale dell’esercito oppressore nemico giurato di Israele. È un uomo compassionevole che chiede aiuto per un servo trattato come un figlio. Ed è un uomo pieno di fede, che non si lascia intimorire. E garbato: non vuole che il Maestro si disturbi. Ha fede, tanta, sa come funziona fra superiori e soldati. E sa che quel rabbino comanda al male di andarsene. Guarisce, libera, risolleva. Verrò e ti guarirò mi dice oggi il Signore. Da ogni paura, da ogni senso di colpa, da ogni peccato, da ogni ansia, da ogni tristezza. Verrà, il Signore, e sarà Natale nella mia vita, nella mia giornata, nel mio cammino. Verrà, il Signore, e noi, zoppicando, imitiamo la fede del Centurione, capace di stupire il Cristo.

Share:

2 Comments

  • Maria Cristina ceci, 29 Novembre 2021 @ 16:30 Reply

    Che delicatezza nelle tue parole! Grazie.

  • Maria Cristina ceci, 29 Novembre 2021 @ 16:31 Reply

    Che belle le tue parole! Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *