Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo dell’11 Dicembre 2021 | Mt 17,10-13

Mentre scendevano dal monte, i discepoli domandarono a Gesù: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elìa?».
Ed egli rispose: «Sì, verrà Elìa e ristabilirà ogni cosa. Ma io vi dico: Elìa è già venuto e non l’hanno riconosciuto; anzi, hanno fatto di lui quello che hanno voluto. Così anche il Figlio dell’uomo dovrà soffrire per opera loro».
Allora i discepoli compresero che egli parlava loro di Giovanni il Battista.

Mt 17,10-13

Dio arriva quando meno te lo aspetti, certo, come un ladro nella notte, come lo sposo che arriva tardi. Ma, nel contempo, prima invia dei messaggeri, dei segni, prepara la strada alla sua venuta, eventi e persone che mette sul nostro cammino perché possiamo orientare il cuore, svegliarlo, allenarlo all’incontro. Ma se viviamo costantemente oberati di cose da fare, se la nostra mente è occupata da mille pensieri, se la nostra anima è desolatamente spenta e inattiva, come potremmo riconoscere in Giovanni Battista quell’Elia inviato a scuotere le coscienze? Se accettiamo di farci portare dalla corrente, asfaltati dalle abitudini, se non coltiviamo la nostra interiorità, almeno un poco, come potremmo coltivare in noi il desiderio di infinito che ci spinge oltre la quotidianità? Svegliamoci, allora: queste settimane di avvento sono una sveglia che suona nella nostra vita per invitarci ad essere presenti a noi stessi. Dio viene, non dubitarne.

Share:

2 Comments

  • Silvia Battini, 11 Dicembre 2021 @ 00:08 Reply

    Non ne dubito. E’ venuto ma non sono pronta. Perché?

  • Maria Rosaria, 11 Dicembre 2021 @ 09:32 Reply

    Non ne dubito. E’ venuto ma non sono pronta. Perché?
    Perché non credi sufficientemente in Lui, non Lo Ami abbastanza e non sei disposta a lasciare tutto e seguirlo…
    Gesù è nato in una grotta, perché non c’era posto per loro negli alberghi, e le uniche luminarie erano le stelle del cielo.
    Una canzone di Natale recita: “Per le strade luci…,ma Betlemme è qui…
    Giovanni é vissuto nel deserto e quel deserto non piace a nessuno, ecco perché non viene riconosciuto.
    Il mio Regno non è di questo mondo, dice Gesù, ma di questo mondo tutti vogliono esserne i protagonisti, come se dovessero vivere per sempre…Prima o poi si lascerà tutto e il dopo sarà riposto nei granai oppure sarà bruciato come paglia?
    L’essenziale basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.