Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 04 Gennaio 2022 | Gv 1,35-42

In quel tempo, Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa maestro –, dove dimori?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.
Gv 1,35-42

 

Il Vangelo trabocca di domande: oltre duecento interrogativi attraversano le sue pagine. Perché incontra Dio chi lo cerca e cerca chi è ancora curioso ed innamorato della vita. A volte rappresentiamo la fede come un granitico monolite da accogliere senza mai discutere. I Vangeli, invece, ci parlano di un Dio curioso, che chiede, che interroga, che desidera. Chi cercate?, chiede Gesù ai due discepoli del Battista. Chi cerchiamo quando seguiamo il Signore? Pace? Sicurezza? Protezione? Poco importa: qualunque sia la ragione che ci ha spinti ad essere cristiani la fede è esperienza di vita, non sapere ma andare a vedere. Non si può descrivere la fede, la si può solo vivere. Noi, allora, che abbiamo seguito e amato il Maestro, possiamo con semplicità dire ai tanti assetati di bene e di senso, di luce e di pace: vieni e vedi. Costruiamo comunità di discepoli che hanno visto dove abita il Signore: nella luce, nell’amore condiviso, nella pace del cuore.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *