Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 07 Gennaio 2022 | Mt 4,12-17.23-25

In quel tempo, quando Gesù seppe che Giovanni era stato arrestato, si ritirò nella Galilea, lasciò Nàzaret e andò ad abitare a Cafàrnao, sulla riva del mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Terra di Zàbulon e terra di Nèftali,
sulla via del mare, oltre il Giordano,
Galilea delle genti!
Il popolo che abitava nelle tenebre
vide una grande luce,
per quelli che abitavano in regione e ombra di morte
una luce è sorta».
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. La sua fama si diffuse per tutta la Siria e conducevano a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guarì. Grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.

Mt 4,12-17.23-25

E, come un’eco alla solennità dell’Epifania, oggi la Parola ci porta lontano, ai confini di Israele, nelle terre di Zabulon e Neftali, le prime tribù di Israele a cadere sotto il dominio assiro, e finanche in Siria, fra popolazioni considerate perse, fra i pagani e gli acerrimi e storici nemici. La luce arriva ovunque, non resta confinata fra le quattro sante mura del tempio o nella ristretta cerchia dei devoti. Dilaga, la Parola, contagia, ad ogni uomo, credente o ateo, giudeo o pagano, viene consegnato l’invito alla conversione: accorgiti di essere amato, volgi lo sguardo verso quello amorevole di Dio che ti conosce! E questo rimane di questo breve e intenso tempo natalizio: Dio non è esclusivo, non è una proprietà privata ma, in Gesù, ogni uomo può finalmente conoscere qual è il vero volto di Dio e quale il destino (amorevole) di ogni uomo.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *