Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo dell’ 08 Giugno 2022 | Mt 5,17-19

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento.
In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.
Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

Mt 5,17-19

Gesù non è un anarchico, non è un rivoluzionario così come lo intendiamo noi. Viviamo per stereotipi e immaginiamo Gesù come un novello Robin Hood che si scaglia contro una religiosità severa e inamovibile, ottusa e giudicante. Non è così: Gesù è venuto per riportare Israele all’origine della sua fede, smarrita e irrigiditasi nel corso dei secoli. È venuto a spalancare, ad allargare, ad alleggerire perché accade, anche a noi cristiani, di rinchiudere lo Spirito del Vangelo in recinti stretti e angusti. E lo specifica: non è venuto per cambiare ma per portare a compimento, per far fiorire, per alleggerire. Esiste un cammino saldo alle nostra spalle, strade tracciate da altri, sentieri sicuri che ci avvicinano a Gesù. Il Signore ci prende per mano là dove siamo arrivati e ci conduce fino alla piena conoscenza di Dio. Non un segno, una virgola lasciamo cadere dalle nostre mani, attingiamo con fiducia a quanti prima di noi, giudei prima e cristiani poi, hanno capito e vissuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *