Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 26 Luglio 2022 | Mt 13,36-43

In quel tempo, Gesù congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo». 

Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo.

Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».
Mt 13,36-43

Lo so bene, non se ne parla nei Vangeli. Solo un vangelo apocrifo, cioè tardivo e non riconosciuto dalla comunità primitiva come autentico, parla della famiglia di origine della piccola Maria, di Gioacchino e Anna, di Nazareth ma con casa a Gerusalemme. Perché le prime comunità sentivano il bisogno di raccontare, di ampliare la conoscenza, di sapere, di capire. E poco importa se le parole debordano, inventano, abbelliscono. Perché tanto è lo stupore davanti alla bellezza di Maria, alla sua fede trasparente e tenace che, di riflesso, si pensa che i suoi genitori n qualche modo vi abbiano contribuito. Quel che resta è che Gesù, certamente, aveva dei nonni. E va bene anche chiamarli con quei nomi. Nonni che, certamente, hanno aiutato Giuseppe e Maria nel tirare su questo figlio del mistero. Auguri ai nonni, allora, spesso ultimi portatori della fede per i nipoti. Quel che si semina, fidatevi, rimane.




2 Comments

  • Elisabetta Aggio, 25 Luglio 2022 @ 23:32 Reply

    Grazie, io sono nonna e voglio credere alle sue parole

  • Rita, 26 Luglio 2022 @ 08:06 Reply

    Buongiorno Paolo, forse sarà come tu dici: “quel che si semina fidatevi rimane” ed io lo spero tanto, ma nonostante io abbia provato a seminare mia figlia non segue più d tanti anni. Mi chiedo se non abbia sbagliato, se la mia fede all’epoca ancora primitiva e piena di regole e religiosità così come ci è stata a nostra volta insegnata, non abbia creato solo danni invece di lasciare anche un solo piccolo seme. Prego tanto che non sia cosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare