Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 09 Luglio 2022 | Mt 10,24-33

In quel tempo, disse Gesù ai suoi apostoli:
«Un discepolo non è più grande del maestro, né un servo è più grande del suo signore; è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro e per il servo come il suo signore. Se hanno chiamato Beelzebùl il padrone di casa, quanto più quelli della sua famiglia!
Non abbiate dunque paura di loro, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze.
E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l’anima; abbiate paura piuttosto di colui che ha il potere di far perire nella Geènna e l’anima e il corpo.
Due passeri non si vendono forse per un soldo? Eppure nemmeno uno di essi cadrà a terra senza il volere del Padre vostro. Perfino i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non abbiate dunque paura: voi valete più di molti passeri!
Perciò chiunque mi riconoscerà davanti agli uomini, anch’io lo riconoscerò davanti al Padre mio che è nei cieli; chi invece mi rinnegherà davanti agli uomini, anch’io lo rinnegherò davanti al Padre mio che è nei cieli».
Mt 10,24-33

Il mondo è aggressivo e ci fa paura, spesso. E anche come cristiani siamo come vasi di coccio in mezzo a vasi di ferro. Gesù viene accusato di essere indemoniato (!) per i miracoli che fa. È il non senso della libertà umana che spesso, troppo spesso, scatena la propria rabbia verso chi, invece, cerca di vivere nell’amore. Nessun paura, dice il Signore, perché lui per primo ha dovuto vivere la dinamica dell’odio. Ciò che invece ci deve preoccupare e impegnare è ciò che può uccidere la nostra anima. Perché l’anima può morire. Di inedia, di fame, di compromessi, di dimenticanza. Può essere trascinata in un abisso di tenebra. Ma se poniamo la nostra vita nelle braccia del Dio che conosce i passeri, che ci conosce al punto da contare i capelli del nostro capo, di che cosa mai avremo paura? Coltiviamo la nostra anima, custodiamola, lasciamoci amare.

1 Comment

  • Graziella, 10 Luglio 2022 @ 17:42 Reply

    Grazie!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare