Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

 

Commento al Vangelo del 13 Agosto 2022 | Mt 19,13-15

In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li rimproverarono.
Gesù però disse: «Lasciateli, non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli».
E, dopo avere imposto loro le mani, andò via di là.
Mt 19,13-15

Dopo avere difeso le donne dall’imperante maschilismo, Gesù difende i bambini, dona loro dignità, li propone come modelli. Nel Vangelo di Matteo il Maestro dice che il regno appartiene a chi è come i bambini. E come sono i bambini? Dipendono interamente dagli adulti, si affidano, si fidano, antepongono il linguaggio degli affetti a quello del tornaconto e del calcolo. Sanno stupirsi e disperarsi, sanno vedere al di là dell’apparenza, vedono le tracce del divino e del meraviglioso. E noi discepoli siamo chiamati ad imitarli, a fidarci, ad abbandonarci alla tenerezza del Padre che sa di cosa abbiamo bisogno, che conta i capelli del nostro capo. Spesso l’essere adulti indurisce il nostro cuore, lo asfalta, lo rende cinico e disincantato. Riscopriamo il bambino che ancora è in noi, lasciamogli spazio, diamogli importanza per saperci ancora stupire della vita e di Dio.




2 Comments

  • Assunta, 13 Agosto 2022 @ 03:55 Reply

    Amen AMEN 🙏

  • Paolo P., 13 Agosto 2022 @ 18:44 Reply

    Grazie Paolo per dedicarci il tuo tempo anche in queste giornate… Buona domenica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Venite 

Scritto da  

Se riesce

Scritto da  

Compassione

Scritto da  

Vicinanza

Scritto da