Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 12 Agosto 2022 | Mt 19,3-12

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: «È lecito a un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?».
Egli rispose: «Non avete letto che il Creatore da principio li fece maschio e femmina e disse: “Per questo l’uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne”? Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
Gli domandarono: «Perché allora Mosè ha ordinato di darle l’atto di ripudio e di ripudiarla?».
Rispose loro: «Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di unione illegittima, e ne sposa un’altra, commette adulterio».
Gli dissero i suoi discepoli: «Se questa è la situazione dell’uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi».
Egli rispose loro: «Non tutti capiscono questa parola, ma solo coloro ai quali è stato concesso. Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca».

Mt 19,3-12


Solo in questo brano il Signore Gesù parla del matrimonio nei vangeli, e lo fa in un contesto aggressivo, polemico, in una sezione del vangelo di Matteo in cui Gesù difende i deboli, come i bambini, i semplici e, in questo caso, le mogli. Donne totalmente soggette agli umori dei mariti e dei maschi di casa, capaci di cacciarle di casa per un arrosto bruciato. Una terribile situazione giustificata dalla legge di Mosè. E Gesù, con grande franchezza, dice ai mariti che non vogliono cambiare una virgola di questo divorzio religioso, che Dio non la pensa così. Come la pensa Dio? Dio, amore infinito, sposo dell’umanità, pensa che un uomo e una donna, in Lui, si possono amare, possono fare della propria vita una fioritura e una ricerca, un percorso di conoscenza dell’Assoluto. Dio pensa che, amandoci come egli ci ama, possiamo condividere la sua santità. Questo è il sogno di Dio, il suo progetto, poi, zoppicanti, facciamo come riusciamo…




1 Comment

  • Maria, 12 Agosto 2022 @ 06:51 Reply

    Ci sono tante fragilità dell’ uomo e della donna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *