Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 26 Ottobre 2022 | Lc 13,22-30

In quel tempo, Gesù passava insegnando per città e villaggi, mentre era in cammino verso Gerusalemme. Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?».
Disse loro: «Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, io vi dico, cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno.
Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, voi, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: “Signore, aprici!”. Ma egli vi risponderà: “Non so di dove siete”. Allora comincerete a dire: “Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze”. Ma egli vi dichiarerà: “Voi, non so di dove siete. Allontanatevi da me, voi tutti operatori di ingiustizia!”. Là ci sarà pianto e stridore di denti, quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio, voi invece cacciati fuori.
Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio. Ed ecco, vi sono ultimi che saranno primi, e vi sono primi che saranno ultimi».

Lc 13,22-30

Pensa evidentemente di essere dalla parte dei salvati, il simpaticone che chiede al Signore la contabilità dei posti in paradiso, dimenticandosi del fatto che la salvezza inizia qui e continua altrove. Segue anch’egli il flusso della gente che passa per la porta larga: si è sempre fatto così, non sono un santo però non sono peggio di altri, non uccido e non rubo (o non rubo tanto e se lo faccio ho le mie buone ragioni). Gesù, invece, chiede di passare per la porta stretta, quella che non pesa la fede, che non la misura, che non annota le buone azioni, che butta il cuore oltre l’ostacolo. Non saremo riconosciuti da Dio se la nostra fede si limiterà allo stare alla presenza del banchetto (non partecipare! Non donarsi!), se staremo in prima fila ad ascoltare il Signore nelle piazze senza poi vivere ciò che abbiamo udito, se non saremo capaci di far diventare l’ascolto scelte di giustizia e di amore. Ecco, direi che siamo ampiamente allertati.

3 Comments

  • Monica, 25 Ottobre 2022 @ 21:24 Reply

    Ho iniziato oggi a leggere il suo commento e mi è piaciuto molto mi fa pensare….

  • Silvia Battini, 26 Ottobre 2022 @ 23:58 Reply

    Ampiamente. Già.
    Il Maestro spiazza, a volte finanche spaventa.
    Il tuo commento solitamente conforta, mitiga. Questa volta, invece, spaventa ancor di più.

    • Paolo, 3 Novembre 2022 @ 18:03 Reply

      Rileggi meglio, Silvia, fai un passo di lato a partire dalla tue esperienza e leggi quanto dice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Figli

Scritto da  

Impuro

Scritto da  

Brucia

Scritto da  

Passa

Scritto da