Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo
Commento al Vangelo del 1° Novembre 2022 | Mt 5,1-12

In quel tempo, vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. Si mise a parlare e insegnava loro dicendo:
«Beati i poveri in spirito,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati quelli che sono nel pianto,
perché saranno consolati.
Beati i miti,
perché avranno in eredità la terra.
Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia,
perché saranno saziati.
Beati i misericordiosi,
perché troveranno misericordia.
Beati i puri di cuore,
perché vedranno Dio.
Beati gli operatori di pace,
perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati per la giustizia,
perché di essi è il regno dei cieli.
Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli».
Mt 5,1-12

Dio è il santo, il totalmente altro, il Creatore, l’origine e la sorgente di ogni vita, di ogni essenza, di ogni bene, di ogni amore. Egli è l’amore stesso origine del Cosmo. Tutto ciò che è realizzato, puro, luminoso, descrive balbettando la santità di Dio. Ma, diversamente da altre (nobili) intuizioni religiose, la Scrittura ci parla di un Dio che quella santità la vuole condividere. E oggi, celebrando la solennità di tutti i santi, celebriamo la scintilla di Dio presente in tante sorelle e fratelli nella fede, quelli riconosciuti e finiti nei calendari e gli innumerevoli altri che hanno creduto e amato. perché Gesù ci ha ricordato una verità che così spesso ignoriamo: Dio desidera più di ogni altra cosa che noi siamo felici, che siamo salvi, perché siamo suoi, siamo in lui. Chiediamo a questi fratelli e sorelle di aiutarci, ora che vedono Dio faccia a faccia, a lasciare spazio in noi a quella scintilla di Dio che ci abita e che può divampare in un incendio.

3 Comments

  • Salvatore, 1 Novembre 2022 @ 09:59 Reply

    Dio, il Cratore di tutte le cose visibili e invisibili, Dio, l’Onnipotente, l’Onnipresente ha mandato sulla terra, tramite lo Spirito, il proprio unico Figlio per venire a dirci che è Lui che ci ha creato, che è il e come tutti i genitori è Misericordioso, ci ama, ci assiste, ci aiuta, ci perdona, se glielo chiediamo umilmente e pentiti sinceramente di averlo offeso. Amen

  • vera quaranta, 1 Novembre 2022 @ 14:27 Reply

    caro Paolo, la mia vita, ormai sul far della sera, e le mie giornate solitarie, prendono grande forza e fiducia nelle parole che ascolto ogni volta sul mio computer. Ravvivano la mia forza, confermano la mia speranza, sono in cammino da alcuni anni e ogni giorno la mia fede si rafforza attraverso persone come te e come altre che per grazia Dio mi ha fatto incontrare. Vorrei poter comunicare più direttamente ma penso tu abbia molte cose a cui pensare, per cui grazie e che tu sia benedetto.

    • Paolo, 3 Novembre 2022 @ 18:02 Reply

      Ti ringrazio molto vera, non ti scoraggiare, confida

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Venite 

Scritto da  

Se riesce

Scritto da  

Cose prodigiose

Scritto da  

Compassione

Scritto da