Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Commento al Vangelo del 05 Novembre  2022 | Lc 16,9-15


In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli: «Fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?
Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».
I farisei, che erano attaccati al denaro, ascoltavano tutte queste cose e si facevano beffe di lui. Egli disse loro: «Voi siete quelli che si ritengono giusti davanti agli uomini, ma Dio conosce i vostri cuori: ciò che fra gli uomini viene esaltato, davanti a Dio è cosa abominevole».

Lc 16,9-15

Quando ti trovi dinanzi ad una verità schiacciante, imbarazzante, che ti mette alle corde, o sprofondi nella vergogna, o attacchi con rabbia buttandola in caciara oppure, come accade nel Vangelo di oggi, deridi chi quella verità te l’ha appena detta. I farisei, che sono attaccati al denaro, commenta Luca, patiscono le parole del Maestro che ricorda a tutti come la ricchezza sia un pessimo padrone. Gesù non è pauperista, non ce l’ha con i ricchi, non fa lo schifiltoso con i soldi degli altri, e nella Scrittura la ricchezza onesta, viene detto, è sempre dono di Dio. Ma la povertà è sempre responsabilità del ricco che non condivide e accaparra. La ricchezza non è in problema di dimensione di portafoglio, ma di atteggiamento. Tutti noi desideriamo una vita moderatamente agiata, senza eccessive preoccupazioni. Ma, ammonisce il Maestro, stiamo attenti perché la ricchezza inganna, promettendo ciò che non riesce a mantenere. Viviamo con onestà, liberi, per poter incontrare il vero tesoro.

1 Comment

  • Daniela, 5 Novembre 2022 @ 09:15 Reply

    Più serri monete tra le mani o nel cuore, più li tieni chiusi per timore che ti sfuggano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Venite 

Scritto da  

Se riesce

Scritto da  

Cose prodigiose

Scritto da  

Compassione

Scritto da