Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

Commento al Vangelo del 04 Novembre  2022 | Lc 16,1-8

In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli:
«Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”.
L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”.
Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.
Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce».

Lc 16,1-8

Fatevi degli amici, ammonisce Gesù. Perché il destabilizzante racconto dell’amministratore disonesto rivela qualcosa di straordinario. Gesù non loda la sua disonestà. Ma la sua scaltrezza. Si è finalmente fatto furbo, quell’amministratore che si è lasciato prendere la mano e ha fatto la cresta per anni sui profitti del padrone. Ma, ora che è stato scoperto, ora che il suo inganno sta per essere svelato, decide di correre ai ripari. Ha accumulato dei soldi, si. Ma non sa come lavorare, non sa come vivere, non sa come affrontare la vita.

Sullo sfondo si staglia un futuro di solitudine. Ricca, si, ma sempre solitudine. Allora si fa furbo, ragiona, si fa i conti in tasca. Davanti ad una svolta drammatica, vera, che cambia il suo destino, finalmente si decide a cambiare. Ha investito furbescamente per accumulare denari. Ora userà i denari per accumulare amici. Continua a fare una cosa disonesta, ma non più per se stesso. Per gli altri. Pagherà quell’ultima ruberia, ovvio. Ma almeno lo avrà fatto per rendere felice qualcuno strozzato dai debiti. Per una volta nella sua vita finirà nei guai per avere aiutato gli altri, non per avere pensato solo a se stesso. E Gesù loda quel gesto.  Non fa, come noi, il finto scandalizzato. Apprezza anche il minimo cambiamento. Sottolinea anche un solo cenno di conversione. Fatevi degli amici, dice il Maestro. Investite in affetto, relazione, amicizia, ascolto, condivisione. Non sarà ancora il gesto puro del discepolo. Ma sarà almeno un primo passo. Invece di investire in denaro almeno investiremo in amicizia.

1 Comment

  • Stella Torri, 4 Novembre 2022 @ 08:22 Reply

    Si, la lettura di questo brano del Vangelo non è sempre comprensibile dal momento che ci si aspetterebbe da Dio la disapprovazione della furbizia e scaltrezza. Mi piace il commento sulla scelta di privilegiare l’amicizia. Comunque i testi sacri non vanno mai presi alla lettera perché risentono della mentalità del tempo e la traduzione letterale non sempre è fedele al pensiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Venite 

Scritto da  

Se riesce

Scritto da  

Cose prodigiose

Scritto da  

Compassione

Scritto da