Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra.
Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”.
Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.
Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”.
Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”.
E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».
Mt 25,31-46

Questa è una di quelle pagine del Vangelo che strapperei volentieri, che farei finta di non avere letto, che derubricherei a “opinione”, e invece è il cuore stesso del Vangelo in cui Gesù ci spiega qual è la logica di Dio, su cosa saremo giudicati alla fine del nostro cammino, alla fine di questo deserto che stiamo attraversando in quaresima, ma anche alla fine del deserto che è la nostra vita. Alla fine del nostro percorso il Signore non ci chiederà quanti libri abbiamo letto, quante preghiere abbiamo fatto, a quante messe abbiamo partecipato, ma quanto abbiamo amato e chi abbiamo amato e se avremo saputo riconoscere il volto di Cristo nel volto del povero, del sofferente, dello sconfitto, del marginale. In un mondo in cui si esalta la prestazione, in cui si esalta il merito, in cui si sgomita per ricevere un apprezzamento, un like, un applauso, per essere visibili, il Signore ci chiede di riconoscere proprio nei poveri, nei sofferenti, nei malati, nei carcerati (notate bene non viene detto se sono carcerati ingiustamente), il volto stesso di Cristo. È così, da quando Dio è diventato uomo ogni uomo in qualche modo è riflesso di Dio e di questo siamo chiamati a tenere conto per fare un cammino di fede che ci porti verso la luce e la pienezza.

5 Comments

  • Filippo, 27 Febbraio 2023 @ 09:24 Reply

    Se uno studente sapesse in anticipo le domande del suo esame, certamente si preparerebbe le risposte…
    Noi sappiamo le domande dell’Esame Finale: “Avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato da bere…”
    Per tutti l’esame finale sarà solo sull’Amore!

  • Luciana Bianchi, 27 Febbraio 2023 @ 11:57 Reply

    Non so se il Signore mi metterà alla sua destra…

    • Marelli Piergiorgio, 27 Febbraio 2023 @ 19:43 Reply

      Condivido il pensiero di Filippo…
      È l’Amore che conta

  • Chiara, 27 Febbraio 2023 @ 13:23 Reply

    Signore aiutaci a vedere il Tuo riflesso in ciascuno nessuno escluso!!! Aumenta la ns fede perché possa essere piena e luminosa!! Buona Quaresima a tutti♥️

  • Ana Luzia Borges Raphascki, 28 Febbraio 2023 @ 01:07 Reply

    Questo Brano del Vangelo Paolo, lascia molto chiaro la scelta di Gesù; i piccoli, i disagiati…, però c’è una piaga nel mondo che metti i bastoni nelle gambe di tanti, principalmente nei ricchi cattolici, che serenamente di stedi la mano per dargli la pace di Cristo, fanno subito a nascondere le mani se dovesse avere bisogno di un prestito, perché hai un problema urgente da risolvere, scommetto che sai già il nome di questa piaga. Buonanotte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare