Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, mentre erano in cammino, Gesù entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò.
Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi.
Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t’importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».

Gv 11,19-27

Oggi la Chiesa celebra la memoria di santa Marta di Betania, sorella di Lazzaro e Maria, citata dagli evangelisti come amica preziosa del Maestro. Ha un bel piglio Marta, diciamolo. E qui voglio tesserne le pubbliche lodi. Francamente: quante volte, nella storia della spiritualità, è stata guardata con sufficienza a favore della sorella mistica Maria? In quante prediche si è esaltata l’attitudine contemplativa della sorella a scapito dell’azione di Marta, redarguita addirittura dal Signore! Non diciamo fesserie. Marta è la donna dell’azione, ed è simbolo di una dimensione essenziale della fede: quella della concretezza. È bello ascoltare le parole del Maestro, certo, ma, credetemi, Gesù ha apprezzato la buona zuppa di legumi preparata dalla previdente Marta. Ed è lei che corre incontro a Gesù per metterlo alle strette e chiedere ragione del suo ritardo… Lazzaro ormai è morto! È bello che ci siano persone così nella Chiesa, persone concrete, audaci, capaci di vedere le cose concrete, di calare le visioni mistiche sulla terra, di prendere decisioni. Marta, come Maria, è essenziale alla vita interiore, è la parte operativa della nostra fede. Ed è un gigante nella fede, la prima a proclamare che chi incontra Gesù e lo accoglie non morirà in eterno.

2 Comments

  • Marta Pellegrini, 29 Luglio 2023 @ 08:06 Reply

    finalmente una bella riflessione oggettiva sulla figura di santa marta….. così solo si riesce a sentire e vivere con gioia il proprio onomastico! grazie

  • Annamaria, 29 Luglio 2023 @ 09:39 Reply

    Marta è Maria, due figure preziose che mi aiutano a vivere la fede in Gesù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare