Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Avete inteso che fu detto: “Amerai il tuo prossimo” e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.
Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste».

Mt 5,43-48

Se amate quelli che vi amano che cosa fare di straordinario? Ogni volta che inciampo in questa Parola non so se ridere, danzare o scuotere la testa. Eccomi messo all’angolo, ecco smontate tutte le mie presunte qualità cristiane, ecco smascherata la mia pochezza. Hai ragione Signore: mi professo tuo discepolo, ti amo, ti seguo, desidero con tutto il mio cuore vivere il tuo Vangelo. Eppure, come tutti, finisco col salutare quanti mi salutano e amare quanti mi amano… Se l’incontro con il Signore non segna, almeno un poco! la nostra vita, cosa serve essere cristiani? Dove ci conduce? In cosa consiste la differenza cristiana? Ci troviamo fra parrocchiani, o, meglio, fra i parrocchiani con cui andiamo maggiormente d’accordo, e pensiamo di essere, se non meglio, non peggio di quelli che, fuori dalle mura della parrocchia, non credono. Macché, il Signore, sorridendo, alza l’asticella. Sono chiamato ad amare come lui mi ama: tutti. E senza misura.

4 Comments

  • Laura, 24 Febbraio 2024 @ 07:48 Reply

    Non ce la posso fare … è troppo alta l’asticella.
    Signore abbi pietà di me.

  • Rosamaria Milazzo, 24 Febbraio 2024 @ 08:39 Reply

    Ci affanniamo tutto il giorno cercando di fare del nostro meglio…. E poi arrivi tu Signore e mi dici che devo pregare per i nemici o essere amorevole con quelli che perdono il loro tempo e le loro energie ad avercela con me! E alla fine ci casco anch’io Signore…. Se capita l’occasione li ripago con la stessa moneta… e cosa faccio di diverso dagli altri? Scuoti la testa eh Signore! Non vado bene così! Intanto prova di nuovo a perdonarmi… se vuoi…. Manda lo Spirito su di me… e La Sapienza perché impari a pregare x chi è nemico e impari a dire e a fare qualcosa di buono per chi ce l’ha con me!????

  • Paola, 24 Febbraio 2024 @ 09:06 Reply

    È vero, l’asticella è troppo alta. Non è come nelle altre religioni che pongono un limite alla carità o alla preghiera per essere benedetti da Dio. Il Signore a noi non dà un limite oltre il quale possiamo sentirci “adeguati” …… e per fortuna!!! Così possiamo essere sempre coscienti che per quanto possiamo essere bravi è lui che ci salva perché ci ama così come siamo, con i nostri limiti.

  • Giovanna, 24 Febbraio 2024 @ 10:16 Reply

    E’ vero che e’ difficile amare i nemici, ma e’ anche vero che e’ difficile amare chi ci sta accanto e crediamo di amare facendo veramente tutte le cose di cui ha bisogno e che desidera! Aiutaci mio Signore e mio Dio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare