Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta».
Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».

Gv 14,6-14

Resto sempre interdetto quando leggo le parole del Signore Gesù. Poiché lui è presso il Padre, dice, qualunque cosa chiederemo ce la concederà e saremo capaci di fare cose più grandi di quelle che ha fatto lui. Meglio: saremo in grado di fare le cose che lui ha saputo fare, di ampliarle, di amplificarle. E questo lo vedo, intorno a me. Realtà di Chiesa che rendono presente il risorto, che trasmettono speranza, che vivono il Vangelo con serietà e determinazione. Quante volte, nel mio pellegrinare nel mondo, mi trovo davanti a delle situazioni in cui sussurro nella preghiera: “Guarda, Signore, guarda che cose belle hanno fatto nel tuo nome, guarda quanto amore, quanta forza, quanta speranza in questi fratelli! Devi esserne orgoglioso!” e lui lo è, ne sono assolutamente certo. Certo che il Signore ci affianca quando cerchiamo di amare, quando rendiamo presente la sua luce servendo i fratelli soli e scoraggiati… Sì, possiamo fare cose più grandi di quelle che ha fatto Gesù perché Gesù ci spinge a farle, perché lui ci accompagna e ci motiva. Il miracolo della condivisione, il mettere in fuga i demoni che avvelenano la vita degli uomini…

 

1 Comment

  • Roberta, 4 Maggio 2024 @ 06:49 Reply

    SIgnore Gesù
    Oggi desidero ringraziarti per il dono della fede ,per la mia famiglia per i figli che ci hai affidato.
    Ti chiedo di illuminare la nostra strada affinché al termine possiamo abbracciarti nella tua luce con tutti i nostri cari che già sono giunti al termine del cammino.
    Oggi festeggiamo 35 anni di matrimonio . Il tempo si è fermato perché la gratitudine ha dilatato i nostri cuori.
    La tua misericordia è per sempre e la bellezza del creato c’è ne parla ogni giorno .
    Tu puoi tutto e noi abbiamo bisogno di Te .
    Grazie Gesù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Accoglie me

Scritto da  

Tu seguimi

Scritto da  

Mi vuoi bene?

Scritto da