Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, [quando si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».
Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore».
Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse “Mi vuoi bene?”, e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi».
Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

Gv 21,15-19

L’ultimo capitolo dell’ultimo vangelo racconta dell’ultimo gesto d’amore di Gesù nei confronti del primo degli apostoli che, ancora segnato dalla sua fragilità, non riesce ad accodarsi alla gioia degli altri discepoli. Così, dopo la pesca miracolosa, Gesù risorto, che è venuto appositamente per salvare Pietro, lo prende da parte. Mi ami? Gli chiede. Ti voglio bene, gli risponde Pietro, ormai consapevole della sua incoerenza. Mi ami? Insiste il Signore. Ti voglio bene ribatte, con un filo di voce, Pietro. Mi vuoi bene? chiede, infine, il risorto. È sempre Dio che si adatta, lui che abbassa l’asticella. Pietro gli apre il cuore: cosa potrebbe mai dirgli dopo quello che è successo? Cosa promettere? Come osare? Sorride, ora, il Signore. Risposta giusta, questa volta. Pietro, che ora sa cosa significa il fallimento, è pronto per accogliere i fratelli e le sorelle senza giudicarli

2 Comments

  • Miriam Zoncato, 17 Maggio 2024 @ 05:52 Reply

    Signore ti ringrazio perché alla fine del sentiero sei sempre là che mi aspetti sorridente e con le braccia aperte. Grazie perché nonostante i miei errori sento che mi perdoni sempre…

  • Massimiliano, 18 Maggio 2024 @ 13:50 Reply

    Una delle mie pagine preferite.
    Gesù ha pazienza con Pietro…ne avrà anche con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *