Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«In verità, in verità io vi dico: se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà. Finora non avete chiesto nulla nel mio nome. Chiedete e otterrete, perché la vostra gioia sia piena.
Queste cose ve le ho dette in modo velato, ma viene l’ora in cui non vi parlerò più in modo velato e apertamente vi parlerò del Padre. In quel giorno chiederete nel mio nome e non vi dico che pregherò il Padre per voi: il Padre stesso infatti vi ama, perché voi avete amato me e avete creduto che io sono uscito da Dio.
Sono uscito dal Padre e sono venuto nel mondo; ora lascio di nuovo il mondo e vado al Padre».
Gv 16,23-28

Possiamo conoscere Dio solo attraverso Gesù. È lui che ci rivela il vero volto di Dio, il volto di un padre colmo di ogni tenerezza, di un padre adulto che ci tratta da adulti e ci accompagna nei momenti di fatica, che ci insegna a diventare veri uomini e vere donne. Per noi cristiani, Dio è il Padre di Gesù, arriviamo a lui solo grazie alla predicazione di Gesù. Siamo rimasti affascinati dalla predicazione del Signore, abbiamo ascoltato e seguito i suoi discorsi, abbiamo visto e riconosciuto nelle sue parole la verità. Gesù parla di Dio perché lui e il Padre sono una cosa sola. E Dio ci ama perché amiamo il suo Figlio prediletto, diventiamo figli nel Figlio, entriamo a far parte della comunione divina. Magari la nostra vita famigliare non è granché, sia come figli che come genitori. Forse non siamo affatto soddisfatti della nostra vita relazionale. Diventare famigliari di Dio significa scoprire una famiglia più grande, diventare concittadini dei santi e famigliari di Dio. Siamo amati, teneramente, da Dio e dal Signore Gesù. Questo ci dona forza, ci permette di imparare ad amare, di cambiare il mondo in cui viviamo!

 

3 Comments

  • Miriam Zoncato, 11 Maggio 2024 @ 12:03 Reply

    Mi piace molto l’immagine di Dio colmo di tenerezza… Lasciamoci amare da Lui e irradiamo la sua luce in qualunque posto o situazione ci troviamo… ????

  • Angelo, 12 Maggio 2024 @ 13:42 Reply

    Rosetta Bonanno e qual è o che significato ha il chiedere nel Suo None?
    Anche nel Padre Nostro si a.C.conSENTE che sia Santificato.
    Se fosse facile chiederlo dicendo il none di Gesù allora tutti potrebbe chiedere qualsiasi cosa, ma il Suo Nome ha un significato ben preciso.
    Perciò la domanda ritorna sempre la stessa: “chi è Gesù per chi lo riconosce?”

  • Angelo, 12 Maggio 2024 @ 13:43 Reply

    E qual è o che significato ha il chiedere nel Suo Nome?
    Anche nel Padre Nostro si a.C.conSENTE che sia Santificato.
    Se fosse facile chiederlo dicendo il none di Gesù allora tutti potrebbe chiedere qualsiasi cosa, ma il Suo Nome ha un significato ben preciso.
    Perciò la domanda ritorna sempre la stessa: “chi è Gesù per chi lo riconosce?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare

Accoglie me

Scritto da  

Tu seguimi

Scritto da  

Mi vuoi bene?

Scritto da