Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, Pietro si voltò e vide che li seguiva quel discepolo che Gesù amava, colui che nella cena si era chinato sul suo petto e gli aveva domandato: «Signore, chi è che ti tradisce?». Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: «Signore, che cosa sarà di lui?». Gesù gli rispose: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi». Si diffuse perciò tra i fratelli la voce che quel discepolo non sarebbe morto. Gesù però non gli aveva detto che non sarebbe morto, ma: «Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa?».
Questi è il discepolo che testimonia queste cose e le ha scritte, e noi sappiamo che la sua testimonianza è vera. Vi sono ancora molte altre cose compiute da Gesù che, se fossero scritte una per una, penso che il mondo stesso non basterebbe a contenere i libri che si dovrebbero scrivere.
Gv 21,20-25

L’ultimo capitolo del vangelo di Giovanni, ci spiegano gli esegeti, è stato aggiunto dalla comunità giovannea per sottolineare il ruolo di Pietro, per dare un senso e un orientamento a coloro che pensavano che bastasse lo Spirito Santo a condurre una comunità. Non è così: alla Chiesa servono carisma e magistero, fantasia e volontà, profezia e concretezza. Giovanni e Pietro, appunto. E dopo avere ricevuto l’annuncio dagli apostoli, i primi cristiani, che hanno raccolto le loro testimonianze messe per iscritto dagli evangelisti, ci dicono: ora tocca a te scrivere il tuo Vangelo. Facciamolo, ritagliamoci qualche istante per scrivere le nostre buone notizie, la nostra originalissima e unica esperienza di Gesù. Che si possa dire: dal Vangelo secondo Laura, William, Beatrice, Lorenzo… perché l’unico annuncio ha assunto, lungo la storia, mille sfumature, mille esperienze, mille entusiasmi. Siamo noi gli evangelisti e i testimoni per coloro che incontriamo.

 

3 Comments

  • Mario Pilade Bavastro, 18 Maggio 2024 @ 05:17 Reply

    Proverò a scrivere secondo, Mario…. Chissà!!! Grazie per Paolino!!

  • Laura, 18 Maggio 2024 @ 07:03 Reply

    Sai che qualche volta ci penso veramente? Mi piacerebbe davvero poter riuscire a scrivere quello che ho capito dell’amore di Dio e di come mi si è rivelato e riversato nella vita….

    • Simone, 20 Maggio 2024 @ 11:32 Reply

      E fallo Laura. Io lo leggerei 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *