Contatta Paolo Curtaz

Per informazioni, organizzazione conferenze e presentazioni

Scrivi a Paolo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Io vi dico: se la vostra giustizia non supererà quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli.
Avete inteso che fu detto agli antichi: “Non ucciderai”; chi avrà ucciso dovrà essere sottoposto al giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello dovrà essere sottoposto al giudizio. Chi poi dice al fratello: “Stupido”, dovrà essere sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: “Pazzo”, sarà destinato al fuoco della Geènna.
Se dunque tu presenti la tua offerta all’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia lì il tuo dono davanti all’altare, va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono.
Mettiti presto d’accordo con il tuo avversario mentre sei in cammino con lui, perché l’avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga gettato in prigione. In verità io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo!».

Mt 5,20-26

Però dai diciamolo, a volte Gesù esagera. Come in questo capitolo cinque del vangelo di Matteo che, sinceramente, andrebbe semplicemente cancellato. Come fa a chiederci di considerare le parole come armi? E di presentarci al Padre senza avere debiti con chi ci sta intorno in modo da non creare una dicotomia fra la nostra vita e la nostra fede? Facciamo quel che possiamo, proviamo a darci una sistemata prima di andare in chiesa, rispetto a tanti altri siamo già delle belle persone! Certamente lo siamo, e siamo consapevoli di esserlo, proprio come facevano gli scribi e i farisei che misuravano ogni sforzo, calcolavano ogni devozione, si perdevano dietro sottili distinzioni in modo da apparire migliori degli altri agli occhi di Dio. Ecco, dice il Signore: se la nostra fede non supera quella di scribi e farisei, se non cogliamo la santa follia del Vangelo, la sovrabbondanza dell’amore, non siamo ancora entrati nella logica del Regno che è logica di Dio…

1 Comment

  • Marisacenacchi3@gmail.com, 13 Giugno 2024 @ 12:31 Reply

    Siamo fatti di terra ,ma da Dio, abbiamo il peccato originale, ma anche il battesimo , siamo tentati da satana ,ma abbiamo l’angelo custode e i sacramenti…eppure non riusciamo ad essere come Dio ci vuole…Siamo solo peccatori ,ma salvati ! Per grazia di Dio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare